in ,

Bologna, presentazione ufficiale di Saphir Taider: “Felice di essere di nuovo qui”

E’ stato presentato questo pomeriggio alla stampa Saphir Taider, centrocampista franco-algerino tornato a Bologna due anni dopo la sua prima esperienza sotto le Due Torri; a introdurre il ragazzo agli addetti ai lavori l’amministratore delegato Claudio Fenucci: “Siamo molto contenti di aver completato l’organico con lui. Volevamo costruire una squadra con giusto mix di esperienza e gioventù e lui in questo senso possiede entrambe. Si tratta di un ritorno, ha grandi stimoli. Penso farà un lungo percorso insieme a noi. Ne approfitto per fargli il mio in bocca al lupo.”

Parola dunque all’ormai ex Inter che ha iniziato parlando del suo ritorno a Bologna: “Quando sono arrivato qui avevo 19 anni, era tutto nuovo per me. Poi sono andato all’Inter dove ho giocato conquistandola nazionale con cui ho giocato Mondiale e Coppa d’Africa. Mi sento molto più forte come uomo e calciatore maturato, tornare qui è una bella soddisfazione. Non arrivo entrando dalla stessa porta, la città la conosco bene. Mi sono sentito molto bene in passato e sono sicuro sarà lo stesso anche questa volta.” Sul perché sia arrivato agli sgoccioli del mercato: “Il mercato è imprevedibile, avevo bisogno di pensarci bene. Quando fai una scelta devi essere convinto, ad ogni modo questa era la migliore soluzione. Qui ho sempre avuto tutto quello di cui avevo bisogno.”

Taider ha poi chiarito il perchè della scelta del numero 8: “So che l’ha avuto un grande giocatore, non voglio paragonarmi a lui. onorerò la maglia e darò sempre il massimo in campo. Il centrocampista ha poi parlato del suo addio all’Inter: “Il primo anno è andato bene, sono andato via in prestito l’anno dopo per avere maggiore continuità. Conosco le mie potenzialità, sono venuto qui per fare bene.” Si è parlato poi dell’indiscrezione secondo la quale Corvino ai tempi della Fiorentina lo contattò per portarlo in Viola: “Quando giocavo in Serie B in Francia mi chiamò Corvino per parlare, mi voleva alla Fiorentina. Abbiamo bevuto un caffè insieme poi ho deciso di venire a Bologna perché era difficile trovare spazio là allora. E’ stata un’ottima scelta.” Taider ha scelto di giocare con la maglia dell’Algeria nonostante avesse esperienze con la Francia Under 21: “E’ stata una scelta di cuore, ho voluto onorare e rendere felici i miei genitori.” Sulle possibilità di vederlo in campo a Marassi domenica: “Fisicamente sto bene ma non sono al 100%, ho fatto tutta la preparazione con l’Inter.”  La prima volta a Bologna il capitano era Marco Di Vaio che ora ha ritrovato come dirigente: “Marco mi ha chiamato per farmi i complimenti, ho un buon rapporto con lui. E’ strano vederlo come dirigente ma è un valore aggiunto per il club, farà sicuramente il bene della squadra.” Chiosa finale su quale, tra Pioli, Mazzarri e Di Francesco sia stato il tecnico ad avergli dato di più: “Pioli soprattutto, mi ha lanciato nel calcio vero. ho sempre avuto un ottimo rapporto con lui. Ha fatto bene lo scorso anno alla Lazio e sta facendo anche ora un buon lavoro.”

 

Grand Hotel anticipazioni

Grand Hotel anticipazioni terza puntata 9 Settembre 2015: le indagini di Pietro

caso yara ultime notizie

Caso Yara ultime news: trovato terzo profilo genetico sugli slip