in ,

Bologna: rinvenute ossa e teschi umani nel sottotetto della Basilica di Santa Maria dei Servi

Misterioso ritrovamento nella Basilica di Santa Maria dei Servi a Bologna avvenuto alle ore 12 di ieri, mercoledì 21 maggio, ma la notizia, però, è trapelata solo oggi, giovedì 22 maggio. Alcuni tecnici impegnati nella manutenzione dell’impianto elettrico della Basilica, situata Strada Maggiore, nel pieno centro del capoluogo dell’Emilia Romagna, mentre lavoravano in una parte del sottotetto sovrastante un vano che si trova al fianco della sagrestia, hanno infatti trovato ossa e teschi umani risalenti ad un’epoca ancora sconosciuta. Cosa ci facevano là? Di chi sono?

Bologna festival politicamente scorretto 2013

Queste e altre domande se le sono fatte in primis gli stessi operai che hanno prontamente avvertito il funzionario del provveditorato alle opere pubbliche della Regione che era stato incaricato alla direzione dei lavori. Quest’ultimo ha subito avvertito i Carabinieri della Stazione di Bologna e della Sezione Investigazioni Scientifiche del Comando Provinciale che si sono recati sul posto per i rilievi del caso. Le indagini  degli inquirenti andranno quindi a cercare di scoprire a chi appartenessero quei resti, da quanto tempo si trovassero in quel luogo e soprattutto come mai fossero state abbandonate.

La Basilica, fondata nel 1346 come chiesa dell’ordine dei Servi di Maria, ed elevata a Basilica minore da Papa Pio XII,  che ospita opere di Cimabue, del Guercino e di Guido Reni, il cui portico è stata citato in una canzone di Guccini, è sempre stata al centro della tradizione musicale di Bologna e fin dal seicento, grazie ai suoi quattro organi, ha sempre intrattenuto fedeli e non con concerti di musica classica e non ha mai presentato, almeno fino a oggi, gialli o misteri.

photo credit: LAMPO999 via photopin cc

Seguici sul nostro canale Telegram

UeD Trono Classico Flavia Fiadone facebook

Anticipazioni Uomini e Donne, Trono Classico: Flavia chiarisce la sua posizione

TitCoins

TitCoins, nuova moneta elettronica “hot”: se mostri il seno fai shopping online