in

Bologna, tir a fuoco sulla A1: due vigili del fuoco feriti nell’esplosione

È notte sulla A1 quando nei pressi di Bologna, nell’area di servizio Cantagallo, un tir va a fuoco ed esplode provocando diverse ferite a due vigili del fuoco, intervenuti nell’incendio. Siamo a cavallo tra ieri, giovedì 7 e oggi, venerdì 8 novembre 2019. Secondo quanto riportato dall’Ansa, i due pompieri sarebbero caduti da una scala riportando diverse fratture, uno al bacino, l’altro al braccio.

Bologna, tir a fuoco sulla A1: vigili del fuoco sotto osservazione in ospedale

L’incidente, avvenuto nel Bolognese, avrebbe provocato un’esplosione causando la caduta dei vigili del fuoco impegnati nei soccorsi. La chiamata alla sala operativa del 115 sarebbe arrivata alle 2.10 per l’incendio di un tir parcheggiato nell’area di servizio Cantagallo Ovest, sull’A1, in direzione Sud. Ma, durante lo spegnimento – ad opera dei rinforzi arrivati dalla sede centrale di Bologna dei Vigili del fuoco e del distaccamento volontario di Monzuno – si sarebbe verificata l’esplosione che avrebbe causato la caduta dei due soccorritori. Portati all’ospedale Maggiore del capoluogo emiliano, i due vigili del fuoco coinvolti si trovano ora sotto osservazione.

Altri pompieri finiti per terra in seguito all’esplosione

Anche altri pompieri della stessa squadra sono finiti per terra in seguito allo spostamento d’aria. L’autostrada è stata parzialmente interrotta durante le operazioni di soccorso che si sono concluse alle 6.30 di stamane. L’incidente che ha coinvolto i due vigili del fuoco arriva a pochi giorni dalla tragedia che ad Alessandria ha provocato la morte di tre colleghi nell’esplosione di una cascina. Proprio in queste ore si stanno svolgendo le esequie delle vittime, Antonino, Marco e Matteo, nel duomo di Alessandria.

Leggi anche —> Alatri, donna scomparsa rinvenuta morta: semi vestita e con una ferita alla testa

Balotelli, figlia Pia vittima di razzismo all’asilo: «Tu sei una ne*ra di m*rda»

Ludovica-Pagani

Ludovica Pagani Instagram, tutina aderente e poi in lingerie sul letto: «Altro che Diletta!»