in

Bomba da Gino Sorbillo a Napoli: il secondo attacco in cinque anni nella storica pizzeria

Una bomba è stata fatta esplodere contro l’ingresso di Sorbillo, la storica pizzeria che sorge da tempi immemori nel cuore di Napoli, in via dei Tribunali 32. Il celeberrimo proprietario, Gino Sorbillo, scrive sul profilo Facebook della pizzeria che il locale riaprirà presto nonostante l’attacco, il secondo nell’arco di cinque anni, Sorbillo però non si fa intimidire: «Amo troppo la mia città e la amerò sempre. Porto e porterò sempre Napoli nel cuore». Nessun ferito, ma tanta paura per il boato che è stato avvertito dai moltissimi residenti in strada.

boba esplosa da gino sorbillo la storica pizzeria napoletana

Bomba da Gino Sorbillo, l’attacco non intimidisce, nonostante sia il secondo

Chiunque sia di Napoli e chiunque visiti il capoluogo campano non può non conoscere Sorbillo, la storica pizzeria che sorge nel cuore pulsante della città di Pulcinella, in via dei Tribunali 32. Sorbillo è un’istituzione, il re della pizza, fritta o tradizionale che sia, da anni deve fare i conti con attacchi che rendono la prosecuzione dell’attività un po’ complessa. Cinque anni fa un incendio appiccato all’interno del locale ne distrusse una buona parte, comportando la chiusura per qualche periodo. Oggi accade ancora.  Una bomba di fattura artigianale è stata scagliata contro i muri del locale che ora risulta «chiuso per bomba» come scrive lo stesso Gino Sorbillo, gestore del locale, sulla relativa pagina Facebook. Gino non si fa intimidire dagli attacchi rivolti alla sua pizzeria e scrive anche su Instagram «Poco fa hanno messo una bomba alla mia pizzeria storica del centro antico di Napoli in Via dei Tribunali – scrive Sorbillo, pubblicando un video –  Dopo l’incendio di 5 anni fa adesso arriva anche la bomba… Sono stato nell’Arma dei Carabinieri ed ho scelto di fare il pizzaiolo: amo troppo la mia città e la amerò sempre. Porto e porterò sempre Napoli nel cuore».

bomba da gino sorbillo

L’esplosione è stata provocata da una bomba carta. ll locale era chiuso al momento della deflagrazione e non si segnalano danni a persone, solo tanta paura per i passanti. «Mi scuso con tutte le persone che sono rimaste scosse da quest’ennesima cattiva notizia. A Napoli e dintorni esistono persone straordinarie e positive che vivono veramente con tanto, tanto amore verso gli altri» scrive Gino su FacebookE dietro l’amara presa di coscienza la speranza. «Riapriamo presto», scrive infatti tra parentesi il titolare nel cartello scritto a penna e mostrato sui social.

UrbanPost consiglia –> Pensioni Quota 100, Cazzola: «Ogni lavoratore del Nord che andrà in pensione verrà rimpiazzato da uno straniero»

Pensioni Quota 100, Cazzola: «Ogni lavoratore del Nord che andrà in pensione verrà rimpiazzato da uno straniero»

Meningite in Italia, è davvero allarme? Gli ultimi casi, cosa c’è da sapere