in ,

Bomba d’acqua nel Trevigiano: il bilancio provvisorio è di 4 morti e 20 feriti

Ieri sera intorno alle 23.00, una violenta bomba d’acqua si è abbattuta in zona Molinetto della Croda di Refrontolo, nel Trevigiano, dove era in corso una festa della Pro Loco cui partecipavano un centinaio di persone. Pochi minuti di pioggia ed è stato il panico: il torrente Lierza ha rotto gli argini, inondando tutta l’area circostante e portandosi via l’allestimento della sagra in corso: tavoli, tendone, sedie e persino persone, che cercavano disperatamente di mettersi in salvo dalla furia del fango.

Il bilancio è al momento di 4 morti e circa 20 feriti, di cui 5 in gravi condizioni, ricoverati all’ospedale di Treviso. Le vittime sono persone del posto, due delle quali già identificate: sono i trevigiani Maurizio Lot, di 52 anni, di Farra di Soligo, e Giannino Breda, di 67 anni, di Sernaglia della Battaglia. Le operazioni di soccorso si sono rivelate subito molto difficili, soprattutto a causa della impraticabilità della zona colpita dal violento e improvviso acquazzone. Soccorso alpino e Sommozzatori durante la notte hanno posizionato delle lampade in tutta l’area, completamente al buio, al fine di poter agevolare le ricerche – ancora in corso – di chi ancora manca all’appello. 

Benjamin Netanyahu avvisa gli Stati Uniti: “non forzate la tregua!”

senza poo shampoo trattamento capelli

Katherine Martinko: trattamento senza poo, da sei mesi senza shampoo