in

Bonus bebè 2013, ecco come fare richiesta

L’obiettivo principale del sostegno è il reinserimento delle madri nel mondo del lavoro.

Attualmente il Bonus Bebè è ancora in via sperimentale, tuttavia esso può essere richiesto per il triennio 2013-2014-2015 anche per più figli della stessa madre, ma sempre in presenza dei requisiti richiesti. L’Inps quindi mette a disposizione delle madri lavoratrici la possibilità di accedere a un voucher di importo pari a 300 euro mensili, importo erogabile per un periodo massimo di 6 mesi, ma da utilizzare nell’arco degli undici mesi successivi al congedo obbligatorio per maternità. Ovviamente è un’alternativa al congendo.
asili nido

I figli dovranno essere nati dopo il primo gennaio 2013, ed il bonus può essere richiesto per l’anno in corso e per i due anni successivi, dalle madri biologiche, adottive o affidatarie, purché lavoratrici dipendenti o autonome.

Dove va presentata la domanda?
Potrà essere presentata esclusivamente online tramite il sito dell’Inps. Successivamente verrà sfilata una graduatoria in base all’indice economico ISEE.

Cosa indicare nella domanda?
Numero dei mesi per i quali si richiede il bonus; Dichiarazione di presentazione del modulo ISEE; il servizio scelto, esempio: baby sitter oppure asilo nido;

In che modo viene distribuito il bonus?
Se la madre che ha fatto richiesta del bonus è sceglie un asilo nido l’Inps provvederà all’erogazione diretta alla struttura indicata; nel caso in cui, invece, si scelga il servizio di baby sitting, l’Inps erogherà il voucher direttamente all’interessata.

Chi non può richiederlo?
Le madri coltivatrici dirette, mezzadre e colone, imprenditrici agricole, artigiane ed esercenti attività commerciali, pescatrici e autonome.

Arriva la maglietta tecnologica: controllerà il cuore dei bambini

cast beautiful

Beautiful anticipazioni giovedì 30 maggio: Anthony chiede l’arresto di Marcus, Dayzee ignara e felice