in ,

Bonus Bebè 2015: il decreto è in vigore, ecco come e quando presentare le domande

Il Bonus Bebè 2015, il contributo economico tanto atteso, è finalmente entrato in vigore venerdì 10 aprile, con la pubblicazione del decreto attuativo nella Gazzetta Ufficiale. Le famiglie a questo punto dovranno solo attendere la predisposizione dei moduli dell’Inps, infatti, l’ente dalla data di pubblicazione ha 15 giorni per mettere online i moduli di richiesta.

Dal 25 aprile, quindi, le famiglie potranno fare richiesta per il sussidio, la domanda deve essere presentata in via telematica, accedendo con il proprio codice PIN al sito dell’Inps oppure tramite Patronati e Caf che trasmetteranno la domanda all’ente. La presentazione dovrà avvenire entro 90 giorni dalla nascita o adozione del bambino; passato questo periodo non si perde il diritto di percepire il Bonus ma si ricevono le mensilità dal mese di presentazione della domanda, spostando così la sua decorrenza a tale momento. Per i bambini nati o adottati nei primi mesi del 2015, quando ancora il decreto non era entrato in vigore, la richiesta potrà essere comunque inoltrata e riceveranno, se in possesso dei requisiti, il contributo a partire dalla data di nascita del bambino.

Il beneficio ha una durata triennale, ma nel caso in cui venga a mancare nel tempo il requisito di reddito il sussidio andrà a decadere. L’affidamento del bambino a terzi, la revoca di adozione, il decesso del figlio, la decadenza dell’esercizio della responsabilità genitoriale e l’affidamento esclusivo al genitore che non ha presentato domanda, sono altre cause che portano al decadimento del beneficio. Negli ultimi due casi però la domanda potrà essere presentata entro 90 giorni dal provvedimento, dal genitore o dall’affidatario.

Photo credit: Hteam/shutterstock

Anticipazioni Uomini e Donne trono classico: Mariano fa un regalo a Valentina

Caso Yara ultime news

Caso Yara ultime news: il padre incrociò il furgone di Bossetti la sera del delitto