in ,

Bonus Bebè 2015 Inps: è possibile presentare la domanda, ecco come richiederlo

E’ possibile presentare la domanda all’Inps del Bonus Bebè 2015, il tanto atteso contributo economico stanziato dal governo, per i bambini nati, adottati o in affido preadottivo dal 1° gennaio 2015 al 31 dicembre 2017, con durata triennale sino al compimento del terzo anno del bambino. Possono presentare la domanda: i cittadini italiani, comunitari o extracomunitari con regolare permesso di soggiorno, con un reddito ISEE che non supera i 25.000 euro l’anno e che convivono con il figlio.

L’importo mensile è pari a 80 euro per i redditi superiori ai 7.000, sino alla soglia prevista come limite, e di 160 euro per i redditi che invece sono al di sotto dei 7.000. Le domande devono essere presentate entro 90 giorni dalla nascita o adozione del bambino, però,  come indicato nella circolare dell’Inps, per le nascite avvenute dal 1° gennaio 2015 al 27 aprile la decorrenza dei 90 giorni si applica da quest’ultima data, per cui si potranno presentare sino al 27 luglio 2015. Nel caso questo termine non venga rispettato i richiedenti percepiranno le mensilità dalla data in cui hanno presentato la domanda, non beneficiando delle rate precedenti.

La richiesta del Bonus Bebè 2015 dev’essere effettuata all’Inps esclusivamente in via telematica, scegliendo tra tre modalità di presentazione possibili. La prima è tramite la sezione dei servizi online del sito dell’Istituto, utilizzando il PIN. La seconda contattando telefonicamente il Contact Center Integrato chiamando il numero verde gratuito da rete fissa 803.164 o da cellulare il numero 06.164.164., con tariffazione a carico dell’utente. La terza opzione è di rivolgersi ai Patronati che svolgeranno il ruolo di intermediari nella presentazione della richiesta.

Photo credit: Evgeny Atamanenko/Shutterstock

Guerrina Piscaglia news a Mattino 5

Guerrina Piscaglia news a Mattino 5, ipotesi da brivido: morta dopo aborto finito male?

Ascoli Piceno, negano le riviste per adulti al boss con 41 bis: lui fa ricorso