in

Bonus Lavoro per Laureati 2019: cosa è, come funziona e tutte le info utili (GUIDA COMPLETA)

Il Bonus Lavoro per i giovani resta in vigore e, nello specifico, per gli studenti laureati. Anche il governo Conte, infatti, conferma il provvedimento entrato in vigore nel corso dell’ultimo anno con la Legge di Bilancio 2018. Ma cosa è, come funziona e quali sono le info utili in merito al Bonus Lavoro per Laureati 2019?  Ai datori di lavoro privati che, a decorrere dal primo gennaio 2019 e fino al 31 dicembre 2019, assumono con contratto subordinato a tempo indeterminato laureati, ovvero di dottori di ricerca, in possesso dei requisiti, verrà infatti “riconosciuto un incentivo, sotto forma di esonero dal versamento dei contributi previdenziali a carico del datore di lavoro, con esclusione dei premi e contributi Inail, per un periodo massimo di 12 mesi decorrenti dalla data di assunzione, nel limite massimo di 8.000 euro per ogni assunzione effettuata”.

Bonus Lavoro per Laureati 2019: cosa prevede

Bonus Lavoro per laureati 2019, l’esonero: “è riconosciuto per le assunzioni a tempo indeterminato che riguardano: giovani in possesso della laurea magistrale, ottenuta dal 1° gennaio 2018 al 30 giugno 2019 con una votazione pari a 110 e lode entro la durata legale del corso di studi, prima del compimento del trentesimo anno di età, in università statali e non statali legalmente riconosciute, italiane o estere se riconosciute equipollenti in base alla legislazione vigente in materia, ad eccezione delle Università telematiche; giovani in possesso di un dottorato di ricerca, ottenuto dal primo gennaio 2018 al 30 giugno 2019, prima del compimento del trentaquattresimo anno di età, in università statali e non statali legalmente riconosciute italiane ad eccezione delle Università telematiche”.Pensioni riscatto gratuito della laurea

Bonus Lavoro per Laureati 2019: tutte le info utili

L’esonero, si legge ancora, “è riconosciuto anche per assunzioni a tempo parziale, purché con contratto subordinato di tipo indeterminato. In tal caso, il limite massimo dell’incentivo è proporzionalmente ridotto”. L’esonero “si applica anche nei casi di trasformazione, avvenuta tra il 1° gennaio 2019 ed il 31 dicembre 2019, di un contratto a tempo determinato in contratto a tempo indeterminato fermo restando il possesso dei requisiti previsti alla data della trasformazione”.

Seguici sul nostro canale Telegram

Noleggio a lungo termine: i perché del boom

Ivan Cattaneo parla al “Grande Fratello Vip” della sua infanzia difficile: «Io sapevo che ero diverso …»