in ,

Borussia Dortmund bombe contro bus, ultime notizie: la lettera di rivendicazione e lo spettro dell’Isis

Borussia Dortmund bombe contro bus: a seguito delle tre diverse esplosioni che hanno coinvolto il pullman della squadra di calcio tedesca, causando il ferimento di Marc Bartra e determinando il rinvio della partita dei quarti di finale di Champions League, che si giocherà oggi pomeriggio alle 18:45, si avrebbe ragione di ipotizzare l’atto terroristico.

Borussia Dortmund esplosione bus, Marc Bartra ferito: condizioni di salute del giocatore

Tre esplosioni in contemporanea che in queste ore fanno ipotizzare agli inquirenti che si sia trattato di un attacco mirato e realizzato da persone esperte. I due fori presenti sul bus farebbero anche pensare che oltre alle bombe ci siano stati degli spari.

Va ad aggiungersi a questi elementi una lettera di rivendicazione ritrovata vicino l’autobus nella quale, secondo quanto riferito da Sueddeutsche Zeitung, NDR e WDR, si farebbe riferimento all’attentato contro il mercatino di Natale a Berlino e alle missioni dei Tornado tedeschi in Siria. “Nel nome di Allah misericordioso e compassionevole”, questo l’incipit del messaggio che si assume la responsabilità dell’attentato, dove si fa riferimento ai raid tedeschi che starebbero partecipando all’uccisione dei musulmani nel Califfato dello Stato islamico, e che automaticamente metterebbero anche gli sportivi e altre personalità di spicco “in Germania e nelle altre nazioni crociate sulla lista della morte dello Stato islamico”.

Benché nessuna pista investigativa sia dunque esclusa, al momento la Polizia riterrebbe plausibile quella che porta al radicalismo islamico. La squadra e l’intera città di Dortmund sono sotto shock per quello che è accaduto. Gli inquirenti nel frattempo continua ad indagare per capire la dinamica dei fatti e trovare i colpevoli.

Nasci 2017 durata calcolo beneficiari lavoratori stagionali

Naspi 2017 Inps: durata, calcolo e informazioni utili per gli stagionali

Musica in lutto, morto J. Geils: aveva 71 anni