in

Braccialetti elastici potenzialmente cancerogeni: la Gran Bretagna dà l’allarme

Dopo aver fatto analizzare la composizione delle fibre elastiche contenute nel materiale utilizzato per realizzarli, una catena di grandi magazzini della Gran Bretagna ha deciso di ritirare dal commercio i braccialetti elastici colorati, diffusissimi tra giovani e adolescenti, ma spesso e volentieri anche al polso degli adulti. Perché tale drastica decisione? Il sospetto è che alcuni dei componenti delle bande elastiche usate per la produzione dei bracciali, contengano ftalati e altre sostanze altamente nocive per la salute, e siano quindi potenzialmente cancerogeni.

Benché a tutt’oggi non ci siano certezze assolute della loro pericolosità, i ftalati, prodotti chimici che vengono aggiunti alle materie plastiche per migliorarne la flessibilità e la modellabilità, vengono tuttavia considerati potenzialmente cancerogeni. Di qui l’allarme lanciato da alcune aziende produttrici della Gran Bretagna.

Smartphone: quanto li usate? Gli studenti universitari dalle 8 alle 10 ore al giorno

Papa Francesco

Grande Guerra, il centenario: papa Francesco a Redipuglia per ricordare le vittime