in

Braccialetti Rossi 2 anticipazioni: ecco le novità svelate da Andrea Tidona

In una intervista al settimanale Vero, Andrea Tidona, che in Braccialetti Rossi 2, l’amatissima fiction di Rai 1 che tornerà con le nuove puntate ad andare in onda sull’ammiraglia dal prossimo 15 febbraio 2015, continuerà a vestire i panni del dottor Alfredi, ha svelato alcune novità della seconda serie. Cosa succederà, quindi, in questa nuova stagione? Come faranno i ragazzi a ritrovarsi nuovamente in ospedale? Il pubblico dovrà preparare nuovamente i fazzoletti? A quanto pare sì. Il gruppo dei braccialetti rossi subirà nuovi e pesanti perdite.

Rimanendo alquanto abbottonato Tidona ha anticipato che in Braccialetti Rossi 2: “ci saranno diverse new entry e alcuni personaggi, usciti durante la prima serie, rientreranno per vari motivi”. Ecco quindi come si ricostruirà il mitico gruppo di pazienti del fatidico ospedale con Toni, ad esempio, che “vuole fare l’infermiere”, e quindi si ritroverà nello stesso luogo dove ha conosciuto i suoi amici, ma con un ruolo totalmente diverso.

Parlando, poi, più in generale della seconda serie di Braccialetti Rossi, Tidona ha anche detto che: “ sarà maggiormente incentrata sui ragazzi, rispetto alla prima, in cui, la trama, si soffermava di più sulle storie dei genitori”. L’attore che ha recitato insieme a Benigni ne La vita è bella e che nel 2004 ha vinto il nastro d’argento come miglior protagonista per la sua interpretazione ne La meglio gioventù, film di Meco Tullio Giordana, riflettendo sull’enorme successo della fiction di Rai 1 ha concluso il suo discorso dicendo: “Secondo me quando si punta al sentimento e all’emozione vera senza essere smielati e si mette in campo un bravo regista come Giacomo Campiotti, che sa come si lavora con i giovani, è più facile raggiungere un obiettivo importante” sottolineando, infine, come, nonostante le preoccupazioni del debutto, tutto sia andato nel migliore dei modi anche grazie alla presenza di un cast di attori altamente qualificati.

Sanremo 2015

Sanremo 2015, Gianluca Grignani: ripetizioni di canto per non sbagliare

Nino D’Angelo contro Matteo Salvini: “Non usare la mia canzone per spot leghisti”