in ,

Brasile, tifoso 26enne muore colpito da un water lanciato dai rivali

Un fatto tanto barbaro quanto assurdo, avvenuto ieri in Brasile, attira oggi su di sé l’attenzione del mondo intero: un giovane tifoso è stato ucciso allo stadio dopo essere stato colpito da un water lanciato dagli spalti. Il ragazzo, 26 anni, si chiamava Paulo Ricardo Gomes Da Silva e ieri era uno dei numerosissimi tifosi presenti allo stadio José do Rego Maciel, meglio noto come “Stadio Arruda”, in occasione della partita Santa Cruz di Recife – Paranà. Al termine della partita, la sua passione per il calcio gli è però stata fatale…

brasile rifosi

La partita finita in pareggio ha scatenato all’esterno dello stadio Arruda feroci scontri tra i tifosi delle squadre avversarie. Tra i tanti che lanciavano pietre e cercavano la rissa con i diretti rivali, alcuni hanno pensato di sradicare un sanitario dal bagno dei visitatori e di lanciarlo poi dagli spalti sulla strada sottostante. Ciò è costato la vita al giovanissimo Paulo Ricardo Gomes Da Silva, colpito in pieno dal water lanciato. Altri due giovani sono rimasti feriti nello scontro.

Secondo la testimonianza di alcuni presenti, al momento dell’incidente il 26enne era in compagnia di alcuni amici che, dopo la tragedia, sono fuggiti. Adesso, la polizia è sulle tracce dei colpevoli della morte del ragazzo. Già nell’aprile del 2012, sempre allo Stadio Arruda, alcuni tifosi del Santa Cruz avevano tentato di colpire i tifosi della squadra avversaria con un water, anche stavolta sradicato dal bagno dei visitatori ma fortunatamente caduto in un’area in quel momento sgombra.

Written by Rosaria Cucinella

Nata nella ridente Sicilia, 21 anni e tanta passione per la scrittura ed il giornalismo online. Amo la cucina, la primavera, i red carpet della gente famosa e i film d'azione. Mi piace la moda ma paradossalmente non amo seguirla: la lunaticità comanda anche il mio stile...

Salvatore Cuffaro Nuovo LIbro

L’ex presidente e senatore Cuffaro anche in cella prende 6mila euro di vitalizio

Uomini e Donne, Tommaso scala si difende su Instagram