in ,

Brescia, ritrovata Sara Capoferri: era scomparsa da casa il 21 febbraio

Sara Capoferri è stata ritrovata. La donna di 37 anni originaria di Sarnico ma residente a San Pancrazio, frazione di Palazzolo sull’Oglio, era scomparsa da casa il 21 febbraio dopo una serata con gli amici. I carabinieri l’hanno ritrovata a Rezzato, un un paese dell’hinterland di Brescia dove sarebbe stata negli ultimi giorni; la donna sarebbe stata avvistata da un testimone che avrebbe fatto una segnalazione a Il Giornale di Brescia. La donna è stata condotta nella caserma dei carabinieri di Chari per essere interrogata sulle motivazioni della sua fuga; la trentasettenne ha subito chiarito con gli inquirenti che la sua sarebbe stata una fuga volontaria affermando di avere la necessità di trascorrere alcuni giorni da sola, così come confermato dal capitano Stefano Giovino, comandante della compagnia dei carabinieri di Chiari.

La donna era scomparsa nel nulla la sera del 21 febbraio; la sua auto era stata ritrovata bruciata il 25 febbraio in un campo a Berlingo, nei pressi di Brescia a circa 10 chilometri dal luogo della scomparsa. A causare l’incendio che aveva distrutto l’automobile un cortocircuito al motore, così come riportato dagli accertamenti effettuati sul mezzo dai carabinieri. Non era la prima volta che Sara Capoferri si era allontanata da casa facendo perdere le sue tracce: nel 2011 era scomparsa per 48 ore.

La ricerche per ritrovare la trentasettenne sono andate avanti per tutte le scorse settimane; per cercare di ritrovare la donna sono stati impiegati anche cani molecolari. Sara Capoferri è apparsa in buone condizioni e ha incontrato per prima la sorella maggiore.

giulia de lellis instagram

Giulia De Lellis Instagram: l’assenza che preoccupa i fan

Iago Falque

Dove vedere Torino – Palermo in diretta tv e sul web e a che ora Serie A