in ,

Brexit: Londra segue l’esempio di Ungheria e Macedonia, pronto il muro anti migranti

Mentre Theresa May, premier britannico, è intenta a discutere con Donald Tusk del futuro della Brexit e dei rapporti futuri con l’Unione Europea, a Calais comincia il piano “muro” ideato dal governo inglese. Londra ha confermato ieri l’indiscrezione per bocca dello stesso responsabile responsabile dell’Immigrazione, il viceministro Robert Goodwill. Il membro dell’esecutivo ha affermato che un “nuovo grande muro sarà costruito a Calais già a partire dai prossimi giorni“.

Calais, nonostante in territorio francese, è dove è stato fissato il confine della Gran Bretagna. Il Governo è arrivato a questa decisione dopo aver registrato 40mila tentativi illegali di ingresso nel Regno Unito, su un totale di 84mila, alla frontiera lungo la costa nord-est della Francia. Londra quindi come Budapest e Skopje, la politica del muro continua.

I lavori cominceranno a giorni. La spesa ammonta a circa due milioni e mezzo di euro, a carico della Gran Bretagna, ma fa parte di un pacchetto di investimenti di circa 20 milioni di euro per la messa in sicurezza del porto effettuato in collaborazione con i francesi“, così il sottosegretario Goodwill al Comitato Affari Interni della Camera dei Comuni di Londra.

hanjin crack

Hanjin, una flotta da 85 navi bloccata in mare a causa del crack della società

Piuma Film Roan Johnson intervista: “Così ho esorcizzato la paura di diventare padre” [VIDEO]