in ,

Brunetta bersaglia Floris: “Stipendio troppo alto, si faccia chiarezza”

E’ di nuovo bufera in casa Rai, perché Renato Brunetta è tornato a fare il contestatore degli stipendi elargiti ai conduttori nelle televisioni del servizio pubblico. L’ex ministro di Forza Italia non è nuovo a simili polemiche, spesso scaturite dalle sue crociate personali per ridimensionare i compensi di star, giornalisti e conduttori.Giovanni Floris

E dopo Fabio Fazio ‘colpito’ qualche mese fa, stavolta il suo bersaglio è Giovanni Floris, il conduttore di Ballarò, in onda il martedì sera su Rai Tre. “Ho appena depositato in Commissione di Vigilanza Rai un’interrogazione per chiedere gli opportuni chiarimenti sul contratto in essere tra l’azienda del servizio pubblico e il giornalista Giovanni Floris”, ha detto Brunetta, spiegando poi le sue motivazioni: “Il conduttore Giovanni Floris sarebbe stato per molti anni legato alla Rai da un contratto di lavoro a tempo indeterminato. A partire dal 2007, su suo personale impulso, avrebbe richiesto e ottenuto dalla Rai la stipula di un nuovo contratto di lavoro autonomo, da libero professionista, ricevendo un compenso quattro volte superiore rispetto a quello percepito in precedenza, con un evidente aggravio di costi per l’azienda. Perché la Rai ha accettato delle condizioni tanto sfavorevoli?

Tra le rimostranze di Renato Brunetta, una in particolare si focalizzerebbe su una clausola contenuta nel contratto del giornalista, secondo la quale alla scadenza dello stesso, la Rai sarebbe obbligata alla sua riassunzione. Deciso più che mai a fare chiarezza sulla vicenda, conclude: “Auspico che, nel più breve tempo possibile, la presidente Anna Maria Tarantola e il direttore generale Luigi Gubitosi contribuiscano a fare piena luce su questa vicenda che, se confermata, si configurerebbe come un vero schiaffo alla politica di risanamento e spending review promossa dagli attuali vertici Rai”. Si prevedono polemiche e veleni.

Seguici sul nostro canale Telegram

Adidas Brazuca 2014 World Cup Ball

Brasile 2014: Brazuca il pallone ufficiale della Coppa del Mondo (Video)

Valencia logo

Spagna: il club del Valencia è in vendita e rischia la bancarotta