in ,

Budapest caos migranti: profughi ‘marchiati’ sul braccio dalla polizia

Hanno trascorso la notte accampati in strada e controllati dalla polizia i circa duemila profughi siriani da ieri bloccati nella stazione ferroviaria Keleti di Budapest, in possesso di un biglietto ma impossibilitati a partire per la Germania e l’Austria per volontà delle autorità ungheresi.

Disordini e tensione alle stelle, soprattutto in vista dell’arrivo domani di altri 4.000 migranti intenzionati a partire con i treni per l’Austria e la Germania. “Germania! Germania!”, grida la folla inferocita, promettendo minacciosa: “Noi resteremo qui, fino a quando non ci faranno partire per la Germania. Continueremo a protestare ogni giorno, vogliamo i nostri diritti”. Per ora non è chiaro come le autorità intendano risolvere.

Intanto fa discutere l’immagine condivisa su Twitter dal giornalista Andrew Stroehlein, direttore del centro media europeo di Humans Right Watch, che ritrae i poliziotti della Repubblica Ceca intenti ad imprimere con dei pennarelli indelebili sulle braccia di circa 200 profughi (inclusi i bambini), fermati nel sud della Moravia, i numeri di identificazione.

Foto Twitter : Andrew Stroehlein @astroehlein

Sassuolo rosa completa e numeri di maglia 2015-2016

Un Posto al Sole anticipazioni

Un Posto al Sole anticipazioni 3-4 Settembre 2015: Michele vuole un figlio da Silvia