in

Buone Feste 2015: tutti gli Auguri di Natale storici firmati Google

Oggi 23 dicembre 2015, in coincidenza con il solstizio d’inverno, Google ha lanciato un altro originale doodle. L’idea di quest’anno arriva da un grafico americano, Robinson Wood, già da qualche tempo assoldato da Google per lavorare al progetto Spotlight Stories.

I doodle di Google si susseguono ormai da 16 anni, ovvero dal lontano 1999. I primi a comparire sul logo del motore di ricerca furono un pupazzo di neve e, nel 2000, quelli che possiamo chiamare gli ‘antenati’ dei pinguini nel celebre film d’animazione Madagascar. Negli anni successi per augurare Buon Feste ai suoi utenti in maniera originale, Google, ha lasciato spazio sempre agli animali ma alternando specie provenienti da tutti i luoghi del mondo, dai canguri australiani agli orsetti bianchi del Polo Nord fino agli allegri coniglietti più familiari nelle zone del nord Europa.
Solo a partire dal 2007 si ha una svolta. Le decorazioni si fanno più elaborate e la società decide di rendere più stilizzato il logo stesso, quasi come fosse una luminaria vera e propria. Con il passare del tempo infatti le lettere scompaiono e la scritta ‘Google‘ acquista una valenza più simbolica e minimalista, ne sono un esempio la cartolina realizzata per la stagione 2013 e la slitta colorata con i bambini dell’anno precedente, il 2014. Godiamoci ora quella creata per festeggiare il 23 dicembre 2015 dove ricompaiono gli animali abbandonati nelle versioni più recenti; il 24 e il 25 dicembre saranno pubblicati due nuovi disegni inediti ma con lo stesso tema.

Google Search è un motore di ricerca per Internet il cui dominio è stato registrato il 15 settembre 1997. La società Google Inc è stata fondata successivamente, il 4 settembre 1998. Google Search si occupa dell’indicizzazione e della catalogazione delle risorse del World Wide Web ma svolge anche un ruolo di primo piano nella gestione di foto, newsgroup, notizie, mappe, email, shopping, traduzioni, video e programmi creati appositamente da Google Inc.
È talmente popolare che diverse lingue hanno sviluppato nuovi verbi denominali a partire dal suo marchio, con il significato di cercare con Google o, più in generale, con quello di cercare sul web. Tra i neologismi più utilizzati in Italia troviamo “googlare” mentre in lingua inglese “to google” [fonte: Wikipedia].

Drogba Chelsea

Chelsea, Didier Drogba pronto a tornare: Hiddink lo sta convincendo

Fedez Siae

Fedez sta male e rimanda i dj set: cos’è successo al rapper?