in

Buzzoole, 56cube e digital magics: nasce la startup per il Sud Italia

Digital Magics, azienda nazionale, con sede a Milano, ha lanciato nell’ottobre del 2012 56CUBE, incubatore nel Sud Italia, e insieme lanciano Buzzoole, startup campana. Cifra di investimento? Ben 180.000 €, affiancati dai servizi della stessa Digital Magics, appunto.

Buzzoole

Premettendo la presentazione del sito – ovvero “Buzzoole.com” – la considerazione da fare è che questa è la prima piattaforma italiana di IEO (ovvero “influence engine optimization”), che si basa su un algoritmo ed una tecnologia molto innovativi, permettendo alle imprese di identificare in maniera ottimale gli influencer del proprio mercato e, con essi, di generare una sorta di “passaparola” sui servizi.
Conseguenza? Le aziende avranno modo di pianificare e decidere le loro campagne  marketing online con costi e prezzi decisamente molto dinamici.

Buzzoole ha già avuto modo di veder riconosciuto il proprio operato: SAP and PoliHub come startup più innovativa in ambito Big Data, Real Time e Predictive Analysis, selezionata dalla stessa Microsoft per il programma Bizspark ed è, inoltre, arrivata alle finale in più contesti, italiani e non.
Si è espresso in merito alla partnership con Digital Magics Fabrizio Perrone, fondatore e CEO della stessa Buzzoole, dichiarando: “Diventare startup di 56CUBE e diventare parte di Digital Magics è per noi motivo di grandissimo orgoglio, e rappresenta una grande spinta per incrementare ancora di più il mercato, mettendoci in gioco. Stiamo già lavorando per sviluppare a livello tecnologico e strategico Buzzoole e a breve rilasceremo la versione beta della piattaforma, e stiamo contattando più operatori ed imprese, per presentare i nostri vantaggi”.

Tocca ora a Gennaro Tesone prender parola. Questo quanto dichiarato dal CEO di 56CUBE: “Insieme a DM investiremo nel Sud Italia, ricevendo tanti progetti interessanti mensilmente. Abbiamo selezionato una tra le startup più promettenti del Mezzogiorno. La scelta di Buzzoole è stata fatta prendendo in considerazione l’aspetto della componente tecnologica, alla voglia di scalare (a livello internazionale)  e al team composto da Fabrizio Perrone, Gennaro Varriale, Luca Pignataro e Luca Camillo”.

Seguici sul nostro canale Telegram

Ipotesi Galatasaray

Mercato estero: Mancini vuole Terry per il suo Gala

Stasera in diretta Tv: Tale e quale show e Le tre rose di Eva 2