in ,

Cagliari: Zeman si dimette, Suazo in pole per la panchina sarda

Zdenek Zeman si è dimesso. L’allenatore boemo ha deciso di lasciare la panchina del Cagliari e ha già consegnato le sue dimissioni irrevocabili al presidente Tommaso Giulini. L’ufficialità dell’addio è arrivata alle 11.16. Il tecnico, già nella serata di ieri, pare avesse confidato ad alcuni amici di essere estremamente deluso dall’atteggiamento dei giocatori, che nelle ultime settimane avrebbero smesso di seguire i suoi dettami sia negli allenamenti che in campo. “Io ho dato tutto me stesso, ora è giusto che ognuno si prenda le sue responsabilità – avrebbe detto Zeman- Dimettendomi io faccio la mia parte, ora gli altri si assumano le proprie responsabilità“. Il boemo lascia il Cagliari in una situazione di classifica a dir poco problematica: la squadra sarda è penultima in classifica, a sette giornate dalla fine, a ben nove punti dalla zona salvezza.

Una situazione ingestibile, quindi, per Zeman, aggravata dalla triste vicenda dei giorni scorsi, il blitz ultras nel ritiro sardo, e dalla sconfitta casalinga per 3-0 contro il Napoli. E’ la seconda volta che il boemo lascia la panchina del Cagliari, ma questa volta per sua scelta: il 23 dicembre scorso, infatti, era stato sollevato dall’incarico e sostituito da Gianfranco Zola in seguito alle zero vittorie ottenute nelle prime 16 gare casalinghe. Poi il 9 marzo Zola venne esonerato e ci fu il ritorno di Zeman.

Per il dopo Zeman, pare certo l’arrivo di David Suazo, 35 anni e sette stagioni da calciatore al Cagliari. Ad affiancarlo, uno tra Vittorio Pusceddu e Gianluca Festa, con quest’ultimo in pole. Intanto sono arrivate anche le prime dichiarazioni del presidente Giulini: “Sono molto amareggiato, ovviamente questo è l’ennesimo fallimento di questa travagliata stagione, prendiamo atto della decisione del mister. Mi ha voluto spiegare le sue ragioni, ma è giusto che le riferisca lui. Credo sia evidente che le ultime partite non l’hanno soddisfatto. Se l’episodio di venerdì ha influito con le dimissioni? Assolutamente no, il mister ha lavorato in piazze ben più cattive di Cagliari”

start up start cup fvg

Start Up: torna la Start Cup FVG, la competizione per promuovere l’imprenditorialità

Daniela Santanchè rimpiange Gheddafi

Strage migranti, la Santanchè rimpiange Gheddafi: “Con lui al potere si stava meglio”