in ,

Caivano, morte Fortuna Loffredo: arrestata una donna di 38 anni per abusi su minori

Nel Parco Verde di Caivano, a Napoli, proprio dove lo scorso 24 giugno ha perso la vita in circostanze ancora tutte da chiarire la piccola Fortuna Loffredo, bimba di 6 anni morta per essere precipitata dall’ottavo piano del palazzo in cui viveva, dopo quello avvenuto a dicembre, ieri c’è stato un altro arresto. Ad essere tradotta in carcere dai carabinieri di Casoria, con l’accusa di abusi su una parente di 12 anni, una donna di 38 anni residente nel Parco Verde di Caivano.

Si tratta di un nuovo caso di pedofilia emerso dalle indagini condotte dalla Procura di Napoli Nord su abusi sessuali nei confronti di minori a seguito della morte di Fortuna. Come si legge nell’ordinanza della Procura – “Vicenda che tuttavia non presenta alcun profilo di connessione, se non occasionale, con quella della morte della piccola Fortuna” – non sembrerebbe esserci un diretto collegamento tra l’arresto della donna e le circostanze di morte di Fortuna Loffredo. A confermarlo il pm Francesco Greco che si sta occupando delle indagini.

Il quadro di degrado del rione napoletano che sta venendo fuori dall’inchiesta è preoccupante ed angosciante: almeno tre casi acclarati di violenza sessuale a danno di minori – si ricordi che dall’autopsia sul cadavere di Fortuna emersero i segni di abusi perpetrati nel tempo – e due morti sospette. Un anno prima di Fortuna, infatti, morì in simili circostanze anche un bambino di 3 anni, Antonio, fratellino della migliore amica della piccola.

Roma Napoli 2015

Roma-Napoli 2015, le formazioni ufficiali: Iturbe dal 1′, Hamsik e Gabbiadini in panchina

dieta pasqua dimagrire

Latina, uova di Pasqua irregolari sequestrate: sanzioni per 15mila Euro