in ,

Calcio, Finlandia senza ct: si cerca un allenatore sul web

Due mesi fa ci aveva provato la Nazionale della Costa d’Avorio a cercare il proprio selezionatore tramite un annuncio sul web. C’era tempo fino al 14 luglio per presentare la propria candidatura e ora la Federazione della Costa d’Avorio sta analizzando tutte le candidature. Sulla scia della Costa d’Avorio si è messa la Finlandia, riamsta senza allenatore dopo l’esonero di Mixu Paatelainen. Ai primi di settembre la Finlandia tornerà in campo per giocarsi le pochissime possibilità rimaste di qualificarsi a Euro 2016, quindi è necessario trovare un ct il prima possibile. La Finlandia non naviga infatti in buone acque: è penultima nel girone F con 4 punti, a 10 punti dalla capolista Romania.

Per questo motivo la Suomen Palloliitto, questo il nome della Federazione calcistica della Finlandia, ha messo un annuncio sul proprio sito ufficiale sul quale si invitano tutti coloro che si sentono adatti a guidare la nazionale finnica a inviare la propria candidatura. “Nel tuo lavoro, sarai il responsabile nella costruzione del futuro della nostra prima squadra. Per farlo dovrai essere in possesso, oltre alle motivazioni giuste, di una licenza Uefa Pro, di una buona conoscenza del calcio finlandese e di una esperienza professionale all’altezza.”

Vengono poi indicati i particolari relativi all’ingaggio: “Ti offiriamo un contratto di due o quattro anni, con la possibilità di lavorare già alle qualificazioni per gli Europei 2016.” Un occasione imperdibile per chi si sente all’altezza di una sfida così grande come quella di guidare una nazionale che non vanta una grande storia calcistica ma che avrebbe tanta voglia di partecipare, almeno una volta, a una grande manifestazione. Tutti gli interessati possono inviare la loro candidatura entro la mezzanotte di lunedì 3 agosto all’indirizzo e-mail: headcoach.applications@palloliitto.fi.

Come affrontare un lutto

Come superare un lutto: come affrontare la perdita di una persona cara

Nepal: barbaro omicidio di un bambino, vittima di un sacrificio umano