in ,

Calciomercato 2015: spese record per le squadre Europee

Che gli investimenti calcistici abbiano – da anni ormai – superato un limite era stato avvertito da molti.  E che questo andamento sia in progressiva impennata lo si è visto bene durante il calciomercato 2015.  Le campagne estive di alcuni club sono stati a dir poco esorbitanti e le cifre parlano chiaro: secondo quanto riporta La Stampa il giro d’affari calcistico avrebbe prodotto un totale di 3,1 miliardi. L’equivalente del Pil dell’Etiopia, giusto per fare un paragone.

L’Inghilterra il Paese più ricco: 670 milioni spesi complessivamente – tra entrate e uscite – e sette dei dodici giocatori più pagati da poter  ora includere nella Premier 2015/2016.  Seguono poi la Liga con 571 milioni e la Serie A, che supera con i suoi 570 milioni la Bundesliga (411). Le due squadre di Manchester ottengono il primato nella classifica dei club più spendaccioni: le casse della squadra del cuore di Noel Gallagher piangono 210 milioni e quelle dei Red Devils 160,5. Il Chelsea di Mourinho sfiora invece il paradosso con i 25 giocatori in rosa e i 33 in giro per i prestiti: praticamente 3 squadre pagate e non utilizzate. L’Italia dal canto suo non si è fatta mancare niente con più di 300 milioni spesi tra Juventus, Milan e Inter.

Quali i giocatori più costosi? Tre nomi su tutti: il belga Kevin De Bruyne,  passato dal Wolfsburg al City per 75 milioni, Angel Di Maria che sbarca a Parigi da Manchester (sponda United) dopo una stagione non proprio da ricordare, e soprattutto Anthony Martial, classe ’95, che con i 50 milioni – forse 80 per il bonus – sborsati dall’ex-squadra di Sir Alex Serguson al Monaco diventa il giovane più pagato nella storia del calcio.

 

Seguici sul nostro canale Telegram

Written by Simone Cosimelli

Tennis Us Open 2015

US Open 2015: La Schiavone esce dalla top 100 dopo 15 anni

Italia Spagna

Euro 2016: Italia – Malta probabili formazioni