in

Calciomercato Fiorentina news: per l’arrivo di Diamanti mancano soltanto i dettagli

Il primo del calciomercato Fiorentina sembra essere quasi portato al termine: Alessandro Diamanti, infatti, potrà presto tornare in Italia e vestire per la seconda volta in carriera la maglia della Fiorentina. Pochi sapranno che ‘Alino’ ha vestito la maglia della Florentia Viola nel 2003 negli anni bui della serie C2, però non lasciò un grande ricordo tra i tifosi timbrando soltanto 3 volte il cartellino. Adesso però Diamanti ha 31 anni, ha voglia di riscatto e di rilancio ed è stato identificato da Montella come l’uomo giusto per tornare a lottare per il terzo posto e soprattutto per cercare di dare una mano Mario Gomez che con ogni probabilità non lascerà Firenze in questa sessione di mercato.

I dirigenti del Guangzhou hanno compreso la volontà del giocatore di cercare di rilanciarsi in Serie A per lottare anche per un posto in Nazionale e quindi hanno assecondato le sue richieste. Con tutta probabilità Diamanti potrà esordire in maglia Viola tra dieci giorni, contro il Chievo, quando saranno risolti tutti i cavilli burocratici e tradotti alla perfezioni tutti i documenti scritti in cinese. Il fantasista ex Livorno approda a Firenze in prestito con diritto di riscatto fissato a 3 milioni, il Guangzhou concederà a Diamanti una buona uscita, sulle cui cifre vige ancora il mistero.

Mancano dunque gli ultimi dettagli affinché il primo colpo del 2015 della società gigliata diventi ufficiale. La trattativa non è stata facile anche a causa delle 7 ore di fuso orario ma tutto è stato reso più semplice dall’assoluta disponibilità da parte dei dirigenti asiatici. Per rendere ufficiale il trasferimento oltre ai dettagli burocratici mancano anche le visite mediche che serviranno a verificare se Diamanti ha davvero svolto il programma assegnatogli da Montella per mantenersi in forma durante le vacanze di Natale.

Quarto Grado su Rete4

Caso Yara, intervista esclusiva alla mamma di Massimo Bossetti a Quarto Grado

campagna anti Isis sui social network

Strage Charlie Hebdo: ‪#‎NotInMyName‬, la campagna dei musulmani contro l’Isis