in ,

Calciomercato Inter: via vai attaccanti, intanto torna il tormentone Toure

C’è un grosso via vai in casa Inter: giocatori che vanno, giocatori che vengono. Insomma i nerazzurri sono un cantiere aperto. L’unica certezza sembra essere il tecnico Roberto Mancini. L’ex City ha infatti valutato le possibili operazioni in chiave futura. Nessuno è al sicuro e le prestazioni incideranno notevolmente sul calciomercato. La questione attaccanti sembra assomigliare molto all’A1 direzione Barberino: molte code, troppa gente, bisogna sfoltire. La situazione più spinosa è quella di Stevan Jovetic. Il montenegrino ha deluso, dopo un buon inizio si è eclissato nelle nebbie di Milano senza riuscire mai ad incidere. Il problema nasce dalla questione contratto: l’accordo con il Manchester city è chiaro, l’Inter deve riscattare la punta.

Anche Ljajic non ha rispettato le aspettative, ma per l’ex Fiorentina non sussiste l’obbligo di riscatto. Più facile quindi l’esubero a fine stagione. C’è poi anche il tema Icardi. L’argentino potrebbe essere ceduto, a Milano sono entrati nell’ordine delle idee che una sua eventuale vendita non sarebbe un disastro e c’è da fare cassa da rinvestire sul mercato. Chi entra?  Calleri, Milik e Candreva. I nomi sono i soliti, ormai girano da un po’ di tempo nella testa di Ausilio. Freschezza, talento, ma anche sicurezza. I tre giocatori riassumono la filosofia che l’Inter vuole perseguire nella prossima stagione.

C’è poi il cavallo di ritorno. La storia d’amore tra i nerazzurri e Yaya Toure non è finita. Lo scorso anno il centrocampista è stato ad un passo dal possibile trasferimento a Milano, ma ha scelto di fare un altro anno in Premier. La prossima stagione, soprattutto per l’arrivo di Guardiola, l’ivoriano sembra aver deciso di lasciare la fredda e umida Inghilterra: l’Inter è tra le pretendenti.

 

Dove pioverà a Pasqua e Pasquetta

Pasqua 2016 meteo: ecco dove pioverà secondo le previsioni, Pasquetta con l’ombrello?

Capretto sgarbi

Viterbo, la storia del capretto Sgarbi: “Ecco perché l’ho chiamato così”