in ,

Calciomercato Milan, Kakà consiglia Galliani: “Prendi Molino”

Il calciomercato Milan della prossima stagione estiva si prospetta a dir poco interessante. Adriano Galliani, nonostante il suo futuro al Milan dipenda molto dal futuro proprietario, è già al lavoro per scovare giocatori che possano aiutare il Milan a rinascere. L’ad rossonero riceve un consiglio da un grande ex rossonero, Ricardo Kakà che, nell’intervista rilasciata alla Gazzetta dello sport, consiglia Kevin Molino, suo compagno all’Orlando City, nativo dell’isola di Trinidad. “E’ un classe ’90, deve crescere ancora molto e imparare tanto ma potrebbe essere un bell’acquisto per il prossimo calciomercato del Milan.” La sua carriera inizia da centrocampista ma ora si è evoluta trasformandolo in seconda punta, posizione nella quale ha realizzato 20 gol e 9 assist nella passata stagione.

Molino, che vorrebbe seguire le gesta del suo connazionale Dwight Yorke, ex stella del Manchester United, potrebbe essere il profilo giusto per il Milan, e se lo consiglia Kakà c’è da fidarsi. Nel prosieguo dell’intervista Kakà parla della nuova esperienza americana con la maglia dell’Orlando City: “Si gioca solo una volta a settimana, quindi la partita si può preparare meglio, di conseguenza le squadre sono sempre in forma e le partite sono molto più equilibrate.” Kakà poi rivela che Galliani è stato il primo a sapere della sua nuova avventura in MLS e afferma di doverlo ringraziare eternamente per tutto quello che ha fatto.

“Tornare al Milan, anche solo per una stagione, dopo tutto quello che questa meravigliosa società mi ha regalato è stato davvero molto bello ed emozionante.” Il suo amore per il Milan viene ripreso quando Kakà dice: “Oggi gioco in America ma la saudade per il Milan resterà in eterno, l’Italia, ma soprattutto il Milan sono unici. Per questo li porterò sempre con me nel mio cuore.”

 

Caso Yara news

Caso Yara news, la moglie di Bossetti ha mentito? La prova in un’intercettazione

Pomeriggio 5 9 gennaio 2015

Pomeriggio 5 anticipazioni puntata 10 aprile: novità sulla sparatoria al Tribunale di Milano