in

Calciomercato Milan news: Antonelli è il quinto colpo di Galliani, Armero va al Genoa

Dopo Cerci, Suso, Bocchetti, Destro, il Calciomercato Milan grazie al lavoro encomiabile di Adriano Galliani mette a segno il quinto colpo di questo mercato invernale: si tratta di Luca Antonelli del Genoa. Così Pippo Inzaghi potrà avere a disposizione il terzino sinistro di cui aveva tanto bisogno. Antonelli arriva al Milan in prestito, da stabilire se a giugno i rossoneri a giugno saranno obbligati o se godranno del diritto di riscattare il tornante mancino. Antonelli, in questa stagione, ha già punito al Milan nella sfida di Marassi terminata 1 a 0 in favore del Genoa proprio grazie a un gol dell’ex capitano, che è cresciuto proprio nelle giovanili del Milan.

In un’altra trattativa sempre tra Milan e Genoa, a conferma degli ottimi rapporti tra le due società, il colombiano Pablo Armero si è trasferito in Liguria. Il giocatore non ha mai convinto in rossonero forse anche a causa della posizione di terzino sinistro con compiti difensivi, sicuramente non una delle migliori doti di Armero che ha dato il suo meglio soprattutto nella fase offensiva sia nel suo passato all’Udinese che in quello al Napoli. Tutti gli acquisti operati da Galliani daranno la possibilità a Inzaghi di avere una squadra più competitiva, in questo modo il tecnico rossonero non avrà più la possibilità di sbagliare.

Il calciomercato Milan potrebbe dunque chiudersi quantomeno in entrata. Sul fronte delle uscite dopo le partenze di SaponaraArmero, potrebbe esserci anche quella di Pazzini che sarebbe in attesa di un offerta dalla Juventus, dopo aver rifiutato quella della Lazio. Difficile la partenza di Essien nonostante alcune offerte da Spagna e Inghilterra in quanto sarebbe troppo difficile trovare un sostituto.

Suburra, Stefano Sollima

Alessandro Borghi, Suburra e La Narcotici 2: intervista esclusiva

Elezioni Presidente della Repubblica Fi scheda bianca anche alla quarta votazione

Elezione Presidente della Repubblica 2015: FI scheda bianca anche alla quarta votazione