in

Calciomercato Milan news: Destro e Suso sono più vicini

Mattia Destro, già da queste prime battute di calciomercato invernale, si sta rivelando il principale uomo mercato. Il presidente del Milan Silvio Berlusconi non ha mai nascosto di apprezzare molto il centravanti giallorosso. Il duro lavoro di Adriano Galliani avrebbe convinto il ds della Roma Walter Sabatini a lasciar andare via Destro in prestito con diritto di riscatto. Destro a Roma non si trova più bene sempre più relegato in panchina e sempre più oscurato dall’imperatore Totti, e un ragazzo di 23 anni con le sue doti e la sua prospettiva ha bisogno di giocare il più possibile e il Milan gli sta offrendo proprio questa possibilità. Si sta lavorando in queste ore per la cifra dell’eventuale riscatto che dovrebbe oscillare tra i 16 e i 20 milioni.

L’arrivo di Destro al Milan aprirebbe un valzer degli attaccanti, così come ipotizzato dalla Gazzetta dello Sport. L’acquisto di Destro, per i rossoneri, è strettamente correlato con la partenza di Giampaolo Pazzini (decisivo in Coppa Italia contro il Sassuolo) per il quale nelle ultime ore avrebbe chiesto informazioni la Juventus, in cerca di un attaccante da poter sostituire Giovinco diretto verso Firenze. Così la Fiorentina avendo acquistato Giovinco potrebbe decidere di cedere Mario Gomez, ipotesi che si fa sempre più concreta dopo le parole dell’agente del tedesco. Lo stesso Gomez potrebbe andare proprio a Roma per riempire il vuoto lasciato da Mattia Destro.

Intanto il Milan sta lavorando anche a un’altra trattativa: quella relativa all’esterno spagnolo Suso. Il giocatore ha superato le visite mediche e firmato il contratto che da luglio lo legherà al Milan, ma ora i rossoneri stanno cercando di convincere il Liverpool a lasciare libero il giocatore già da adesso. Il Liverpool non ha mostrato alcuna resistenza ma l’arrivo di Suso in questo mercato di gennaio è legato alla partenza di Riccardo Saponara, sul quale ci sono diversi club di Serie A.

Giorgio Napolitano malore

Quirinale: Giorgio Napolitano ha rassegnato le dimissioni, supplenza al presidente Grasso

Charlie Hedbo in edicola: già esaurite le 3 milioni di copie