in

Calciomercato Milan news: ecco l’offerta per Brozovic e Sneijder dice di voler restare in Turchia

Ormai lo sanno anche i muri: il Milan è alla disperata ricerca di gente di qualità. Sfumati i madridisti Khedira Illaramendi la società di via Aldo Rossi ha individuato l’obiettivo numero uno per il mercato di gennaio: Marcelo Brozovic. Galliani ha avuto modo di ammirarlo di persona durante Italia – Croazia del 16 novembre e a quanto pare ne è rimasto affascinato. Ha soltanto 22 anni ma ha margini di crescita elevatissimi, per questo motivo il Milan se vuole davvero prendere Brozovic deve muoversi con largo anticipo sulla concorrenza. Arsenal e Borussia Dortmund, solo per citarne due, sono molto interessate e i rossoneri cercano di anticiparli iniziando le trattative con la Dinamo Zagabria.

Nei giorni scorsi sarebbe arrivata la prima offerta di 4 milioni dopo un’iniziale richiesta di prestito con diritto di riscatto, ma i croati ne chiedono almeno 8. Ovviamente sperano che si possa aprire un’asta al rialzo così da monetizzare il più possibile. Dovesse sfumare Brozovic il Milan è pronto a bussare alla porta del Bayern Monaco per chiedere informazioni su Pierre-Emile Hojbjerg. I rossoneri potrebbero riuscire a convincere i bavaresi a cedere in prestito questo gioiellino danese non ancora ventenne, il quale nonostante le ottime capacità non riesce a trovare spazio chiuso da mostri sacri come Lahm, Xabi Alonso o Schweinsteiger.

Nei giorni scorsi dall’Olanda era arrivata un’indiscrezione riguardo Wesley Sneijder e sulla sua presunta infelicità in Turchia. L’indiscrezione è stata smentita dall’agente dell’ex numero 10 interista, Guido Albers, che ha fatto sapere:” Wes sta bene in Turchia, ma se resta ancora a lungo in panchina non sarà sicuramente contento, dobbiamo capire il perché della sua esclusione.”

Amici 14 Emma Marrone

Amici 14 anticipazioni 29 novembre 2014: Emma Marrone è lo scoglio delle nuove cantanti

Yara Gambirasio quarto anniversario dalla morte

Caso Yara Gambirasio quarto anniversario dalla scomparsa: tra clamorosi errori e colpi di scena