in

Calciomercato Milan news: Stefano Okaka è il nuovo obiettivo per l’attacco

Da giocatore senza fissa dimora a star Nazionale in pochi giorni. Stiamo parlando di Stefano Okaka, 25 enne italo-nigeriano che con un gol (non esattamente un gol tutto suo) all’Albania ha fatto conoscere il suo nome a tutta l’Italia se ancora ce ne fosse bisogno. Da sempre si parla bene di questo ragazzo cresciuto nelle giovanili della Roma, esordisce in Serie A a 16 e 125 giorni (proprio contro la Sampdoria, buffo il destino…) e nove mesi più tardi segna il suo primo gol in Serie A contro il Siena, proprio contro il Siena qualche tempo dopo segnerà all’Olimpico un meraviglioso gol di tacco che regalerà la vittoria alla Roma nel finale.

Tante aspettative su di lui ma il ragazzo tarda ad esplodere, forse per mancanza di fiducia, e si ritrova a girare l’Italia in prestito: Modena, Brescia, anche un’ esperienza col Fulham, e poi ancora Bari, Parma, Spezia e poi a Gennaio la chiamata di Mihajlovic che lo vuole fortemente nella sua Sampdoria. Questa stagione inizia nel migliore dei modi un gol al Torino e uno al Milan e poi la chiamata di Conte in Nazionale. Sembra davvero arrivato il momento di Okaka che ora deve dimostrare davvero quanto vale.

E dopo averlo punito ora il Milan lo cerca. Galliani lo vorrebbe già a Gennaio, lui che sarebbe perfetto per il gioco di Inzaghi per la sua mobilità e la sua capacità di fare reparto da solo. C’è però un problema, Mihajlovic ha messo un veto alla sua cessione, lui che lo ha messo al centro del progetto Sampdoria non vuole assolutamente vederlo partire. Ma la situazione contrattuale di Okaka gioca a favore del Milan, infatti va in scadenza nel 2016 e il rinnovo sembra lontano. Il Milan fa sul serio ed è pronto a mettere sul piatto Pazzini che forse renderebbe a Mihajlovic meno amaro il boccone della partenza di Okaka.

 

Emilio Pucci 100 anni dalla nascita dello stilista politico

Emilio Pucci: 100 anni fa nasceva lo stilista “Principe delle stampe”

Massimo Bossetti difeso da professore universitario

Caso Yara: professore universitario entra nel collegio difensivo di Massimo Bossetti