in

California: scoperto condensatore che carica il cellulare in 30 secondi

Ha soli 18 anni ed è una studentessa californiana prodigio: si chiama Eesha Khare ed ha inventato un condensatore speciale, capace di ricaricare un telefono cellulare in solo mezzo minuto. In realtà i condensatori sono dispositivi capaci di immagazzinare energia elettrica, così come le batterie, con la differenza che essi lo fanno in modo molto più veloce delle batterie. Il problema è che i condensatori possono immagazzinare poca energia elettrica per ogni unità di volume, con la conseguenza che, per caricarsi di una quantità di energia elevata, devono essere molto grandi.

batteria

La straordinarietà dell’invenzione di Eesha sta in questo: lo speciale condensatore ideato dalla studentessa di Saratoga è molto piccolo ma capace comunque di immagazzinare una gran quantità di energia elettrica. Attualmente questo apparecchio speciale non è stato ancora sperimentato come caricabatterie vero e proprio dei telefoni cellulari,così da poterli ricaricare in soli 20-30 secondi, ma solo sulle luci a LED. Ma si intende applicare tale apparecchio per far ricaricare gli smartphone, soggetti a scaricarsi molto velocemente a causa delle numerosissime applicazioni a cui si può accedere tramite essi.

Eesha, che con la sua invenzione ha vinto il secondo posto al concorso della Intel Corporation e un premio di circa  quarantamila euro, continuerà a studiare circa le applicazioni del suo condensatore. E pensare che la ragazza aveva progettato a tale apparecchio proprio per sè, dato che aveva poco tempo per ricaricare il suo smartphone e avrebbe tanto avuto bisogno di un caricabatterie veloce ed efficiente. Così come Eesha, tantissimi giovani hanno lo stesso desiderio, chissà se il “supercondensatore” possa accontentarli.

Frittelle salate e salumi ricetta con foto

Barcellona Capodanno 2014

Vacanze low cost agosto 2013: Spagna dove andare?