in ,

Camorra, intercettazioni rovinate: 15 anni di lavoro in fumo, i Boss brindano

Da non credere. La Camorra brinda, la Giustizia si dispera. Quello che sta accadendo a Napoli, come riporta l’edizione online de Il Mattino, ha davvero del paradossale: 15 anni di inchieste e di lavoro della magistratura potrebbero presto scomparire in una bolla di sapone. Il motivo? Le intercettazioni che hanno portato all’arresto di 47 Boss e dato un duro colpo alla Camorra sono deteriorate. Sono prossimi all’assoluzione una serie di nomi altisonanti dell’organizzazione criminale campana: Nuvoletta e Abbinante, solo per fare due cognomi pesanti in terra napoletana, senza dimenticare il killer del giornalista Giancarlo Siani, barbaramente ucciso  il 23 settembre 1985. La Procura, infatti, ha dovuto richiedere il non luogo a procedere e l’assoluzione.

>>> LE ULTIME NOTIZIE DAL MONDO DELLA CRONACA <<<

Le richieste sono state fatte da sostituto procuratore Vincenza Marra, durante un’udienza del processo davanti alla prima sezione penale del Tribunale partenopeo. In sostanza, sarebbe impossibile trascrivere le prove che portarono all’arresto di 47 imputati, nel 2002, perché i supporti ormai non più in uso, si sono rovinati. Una decisione che potrebbe verosimilmente portare a un nulla di fatto, dopo tanti anni di lavoro investigativo e giudiziario andato sprecato. La vicenda, nello specifico, è legata al deterioramento dei supporti su cui sono state svolte 15 anni di inchieste sul traffico internazionale di droga.

>>> COMMENTA LA VICENDA CON I NOSTRI CANALI SOCIAL <<<

Le sentenze sono attese per il prossimo mese di gennaio. A beneficiare di questa situazione saranno anche personaggi illustri dei due pericolosi clan, i Nuvoletta e gli Abbinante, che all’interno epoca dei fatti avevano stipulato un accordo: tra questi ci sono Armando Del Core, detto “‘o pastore”, condannato all’ergastolo per avere ucciso Siani; Raffaele Abbinante, “Papele ‘e Marano”, boss dell’omonima cosca, e i boss Lorenzo e Angelo Nuvoletta. Non solo. A godere dell’impunità potrebbero anche essere figli e nipoti di questi capoclan che riuscirono ad accordarsi con i Corleonesi di Totò Riina.

SPARI A MANIFESTAZIONE ANTI TRUMP

Portland, spari alla manifestazione ‘anti-Trump’: ferito un manifestante

Legge di Bilancio 2017, dai bonus ai 18enni alla tassa sugli affitti brevi fino al bollo auto: tutte le novità