in

Campoverde, incendio sulla Pontina: traffico bloccato in direzione Latina

Mattinata d’inferno quest’oggi sulla Pontina, dove un incendio – all’altezza di Campoverde – ha invaso la carreggiata, con conseguenti disagi sul traffico in direzione Latina. Il rogo, divampato nel tratto compreso tra Via Selciatella e Campoverde, si sarebbe sviluppato a partire dalle 10.30 di questa mattina, martedì 20 agosto 2019. Le sterpaglie ai lati della carreggiata sarebbero andate a fuoco nei pressi dello svincolo della frazione del comune di Aprilia, facendo scattare l’allarme. I Vigili del fuoco, allertati per sedare l’incendio, stanno lavorando per ripristinare la normalità.

Campoverde, incendio Pontina: disagi e code

La situazione peggiore per il traffico si registra – al momento – in direzione Latina, dove disagi e code chilometriche giungono fino a Pomezia. L’incendio, però, in continuo avanzamento, potrebbe presto intralciare la tratta in direzione Roma, dove la carreggiata – per motivi di sicurezza – risulta ristretta. Il fumo ha invaso la strada e le fiamme, sempre più alte, si sono fatte minacciose. Il punto più critico si identifica esattamente all’altezza del Mc Donald, sulla SR148. Per gli automobilisti provenienti da Roma è consigliabile scegliere un’uscita alternativa.

Estate rovente sulle strade romane

L’incendio di oggi sulla Pontina si registra a meno di un mese da un altro rogo, sviluppatosi a pochi chilometri a sud da Latina, nei pressi della stessa Statale. In quell’occasione, era il 24 luglio scorso, una nube di fumo nero, ben visibile dalla strada aveva allarmato gli automobilisti, prima dell’intervento dei Vigili del fuoco. Un rogo di sterpaglie – secondo quanto riportato da LatinaOggi – aveva raggiunto un sito industriale dismesso dove erano accatastati pneumatici.

Leggi anche —> Santa Caterina, frana Ruinon sulla provinciale: paese semi-isolato, com’è la situazione

educazione civica scuola

Educazione civica, scuola: anche quest’anno rischia di non entrare in aula

Giulia Salemi Instagram, lato B stratosferico: «Sei la fine del mondo»