in

Cancro al seno, più rischi se si consuma troppa carne rossa da giovani

Consumare troppa carne rossa in giovane comporterebbe il rischio di sviluppare il cancro al seno. E’ questo l’ultimo risultato che la ricerca scientifica sulle cause del male del secolo ha prodotto, in particolare lo studio del Nurses’ Health Study. E’ emerso che le abitudini alimentari durante i primi anni dell’età adulta sono strettamente legate al diffusissimo carcinoma mammario sviluppato in età adulta e, tra i cibi che aumenterebbero il rischio, vi sarebbe proprio la carne rossa in quantità eccessive.

cancro seno

Per circa 20 annni i ricercatori di Harvard hanno monitorato le abitudini alimentari di oltre 88mila donne tra i 26 e i 45 anni, attenzionando in particolare modo il consumo di carne nelle loro diete. E’ così emerso che per coloro che consumavano eccessivamente carne rossa in età giovane il rischio di sviluppare il tumore al seno è aumentato di ben il 22%. Ciò tenendo sempre conto di altri fattori di rischio noti per il cancro al seno, come età, peso, precedenti casi in famiglia, fumo, uso di contraccettivi orali, menopausa e stato ormonale.

Gli esperti suggeriscono dunque di rivedere la propria dieta alimentare: meglio sostituire la carne rossa lavorata (hot dog, salsicce, bacon) e non lavorata (manzo, maiale, agnello), con pollame, pesce (tonno, salmone, sardine, sgombro), legumi (fagioli, lenticchie, piselli) e frutta secca, come noci. Scongiura il rischio di sviluppare il carcinoma mammario anche mantenere un peso nella norma, fare regolare attività fisica ed evitare gli eccessi in alcol e fumo.

Written by Rosaria Cucinella

Nata nella ridente Sicilia, 21 anni e tanta passione per la scrittura ed il giornalismo online. Amo la cucina, la primavera, i red carpet della gente famosa e i film d'azione. Mi piace la moda ma paradossalmente non amo seguirla: la lunaticità comanda anche il mio stile...

Beyoncè e JayZ divorziano

Beyoncè e Jay Z, divorzio in vista: lui l’avrebbe tradita con Rihanna

App Meteo Meduse

Rimedi anti meduse: la nuova app per monitorarle ed evitarle