in

Cani e coccole: l’amico Fido preferisce le carezze alle lodi vocali

I nostri amici a quattro zampe preferiscono essere accarezzati anziché coccolati verbalmente. È quanto emerge da un recente studio ‘pet’ condotto dai ricercatori dell’Università della Florida, secondo cui i cani andrebbero pazzi per le carezze fatte dal loro padrone. Il contatto fisico come dimostrazione ‘tangibile’ di affetto, da elargire quotidianamente al proprio cucciolo. Perché lui aspetta quel momento in cui l’oggetto del suo amore incondizionato – il padrone – lo rende felice facendogli le coccole.Cani e coccole

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Behavioural Processes, ed ha preso in esame molte razze e specie canine, valutando, caso per caso, le diverse reazioni di ogni esemplare alle coccole vocali e fisiche. Ebbene, i cani domestici hanno dato ampia prova di prediligere le carezze anziché il timbro vocale, sia che a dargliele fosse il proprietario sia un estraneo.
Da ciò gli esperti hanno potuto dedurre che “una costante interazione tra cani ed esseri umani” è garanzia di serenità per l”animale. La lode vocale, invece, è passibile di fraintendimento da parte della bestiola, che potrebbe non ‘riconoscere’ – per questioni estranee al legame cane/padrone – il messaggio d’amore inviatole.

Expo 2015 nessun vantaggio per il Sud per l'assessore al turismo della Sicilia

Expo 2015, Michela Stancheris: per il Sud Italia nessun vantaggio, lettera aperta a Renzi

un passo dal cielo 3 anticipazioni

Claudia Gaffuri di Un Passo dal Cielo 3: intervista esclusiva