in

Cannes 2013: il leggendario Jerry Lewis incanta e commuove con “Max Rose”

Appena due mesi fa il leggendario Jerry “Nipote picchiatello” Lewis ha compiuto 87 anni, ma nonostante i recenti acciacchi non ha perso il sorriso e l’ironia. Ieri, fuori concorso, per gli ‘Special Screening’ è stato presentato “Max Rose” che segna il ritorno del celebre divo nel ruolo insolitamente ‘drammatico’ di un pianista jazz che, pochi giorni prima della morte della moglie, interpretata da Claire Bloom, altra leggenda interprete di “Luci della ribalta” di Charlie Chaplin, scopre un passato di menzogne matrimoniali.Jerry Lewis

Qui il regista Noah ha offerto a Lewis una parte drammatica, non interpreta se stesso, ma un personaggio diverso ed è una storia così intensa e bella che gli spettatori che lo andranno a  vedere ne rimarranno impressionati. La pellicola punta sulla bellezza dell’amore tra due persone non più giovanissime ed è una cosa che fa sentir meglio e che saprà, senz’altro, intenerire anche i bambini.

Una storia tutto sommato semplice ma arricchita da una prova d’attore eccellente in un continuo alternarsi di sorrisi e commozione. Per celebrare in modo adeguato il grande divo c’è stata anche una proiezione speciale del film da lui scritto, diretto ed interpretato nel 1961 ed intitolato “L’Idolo delle Donne”. Spettacolo a parte è stata la conferenza stampa rilasciata dall’attore in compagnia del cast: divertente, surreale e ricchissima di battute a raffica come è nel suo immancabile stile. Al fianco dei due miti ancora viventi della golden Hollywood Jerry Lewis  e Claire Bloom si sono inseriti Kerry Bishé e Kevin Pollak.

 

Con Manu Chao in vacanza in Salento a prezzi low cost

Come lavorare nel 2013 su navi e mercantili