in

Cannes 2014, Asia Argento gioca a fare l’Incompresa con un cast d’eccezione

Insolente, fuori dagli schemi, terribilmente dark lady: è l’Asia Argento che ha presentato al Festival di Cannes 2014 il suo ultimo film “Incompresa”, in lizza nella sezione Un Certain Regard. La pellicola racconta la storia di una bambina di 9 anni la cui vita viene segnata dal divorzio dei genitori. Che si tratti di un film autobiografico, considerata l’infanzia di Asia divisa tra il padre, il regista Dario Argento, e la madre, l’attrice Daria Nicolodi? “Che palle”, si limita a rispondere in conferenza stampa la regista, che ha smentito senza troppi giri di parola l’idea che “Incompresa” sia in realtà lei…

Asia-Argento

Con il suo ultimo e maestoso tatuaggio sul petto, Asia Argento non ci sta all’etichetta di dark lady, “Non è un mio problema”, risponde ai giornalisti, e su chi continua a definire il suo film un’autobiografia preferisce rispondere citando il grande Fellini, per il quale “tutta l’arte è autobiografica”. Sebbene a quanto pare l’Incompresa del film non sia lei, Asia gioca con se stessa, ammettendo di “non essere una brava attrice” e disseminando la pellicola di particolari che la riguardano da vicino. Basti pensare che il nome della piccola protagonista è Aria, che è anche il secondo nome della Argento.

“Incompresa”, un film realizzato dalla Argento per i bambini, ha per protagonista Aria, interpretata dalla talentuosa 12enne Giulia Salerno. Nel cast recitano Charlotte Gainsboug e Gabriel Garko, definiti dalla regista “due attori ideali” e sui quali ha modellato la trama del film. Non resta che attendere sui grandi schermi il capolavoro della Argento, un dramma moderno in cui una bambina rimane vittima dell’egoismo dei suoi genitori e dell’indifferenza della famiglia, sola con un gattino a farle compagnia tra le vie di Roma.

Seguici sul nostro canale Telegram

Robert Pattinson Cannes

Cannes 2014, Robert Pattinson e Kristen Stewart: promossi gli ex vampiri di Twilight

Lega referendum legge merlin

Economia: prostituzione e droga conteggiati nel PIL, che sale di 2 punti