in

Cannes 2014: la seconda discussa biopic su Yves Saint-Laurent (Video)

Dopo aver fischiato il film su Grace di Monaco un altro film biografico apre la terza giornata del Festival di Cannes. Ora è il turno del discusso film su Yves Saint-Laurent, dopo i tanti apprezzamenti riscontrati in sala per “Mr Turner”, che porta la firma di Bertrand Bonello. Questo è il secondo film sul celebre stilista francese: il primo è stato quello di Jalil Lespert, presentato pochi mesi fa al Festival di Berlino. Questa seconda pellicola su YSL, prende in esame il periodo che va dal 1965 al 1976 e considerati gli anni d’oro sul piano professionale ma tanto sofferti su quello personale. Gaspard Ulliel facebook(2)

 

Il lungometraggio di Bonello, che ha come interprete Gaspard Ulliel nel ruolo di Yves Saint-Laurent e Lea Seydoux in quello di Loulou de la Falaise, non è stato ben accetto dalla Casa di Moda,  che ha criticato il racconto del regista definendolo “non veritiero”, su uno degli stilisti più amati in Francia e in tutto il mondo. Inoltre nel cast ci sono: Jérémie Rénier nel ruolo di Pierre Bergé compagno di vita e di lavoro di YSL, Amira Casar e Aymeline Valade. È la quarta volta che Bertrand Bonello approda al Festival di Cannes: nel 2001 con “Le pornographe”, nel 2003 con “Tiresia” e nel 2011 con “L’ApollonideSouvenirs de la maison close”.

Bertrand Bonello ha spiegato ai giornalisti che non gli è interessato raccontare tutta la vita del grande stilista ma soltanto il decennio tra il ’67 e il ’76 che sembrava il più affascinante e il più ricco di dettagli sia per quanto riguardava il suo lavoro nel mondo della moda sia per quanto concerneva i momenti particolari del suo privato e il periodo storico portatore di tanti cambiamenti sociali.

 

 

Carlo Ancelotti Real Madrid

Mercato, Milan: Ancelotti esclude un ritorno nell’immediato futuro

alex del piero

Alex Del Piero e fotografo McCurry, l’incontro dei campioni