in

Cannes 2014: l’esordio alla regia di Ryan Gosling e i film dei Dardenne (Video)

Oggi al Festival di Cannes è stata la giornata di uno dei divi più antidivi e più amati dalle donne di tutto il mondo: Ryan Gosling. L’attore 33enne ha scelto proprio Cannes per presentare il suo primo film da regista intitolato “The Lost River”. Solitamente restio a farsi vedere in pubblico Ryan è apparso rilassato e sorridente al photo call assieme agli attori protagonisti del suo film.  Indossava una camicia a righe bianche con le maniche arrotolate e pantaloni marroni, un look casual che non ha di certo scalfito il suo fascino. Con lui c’erano Christina Hendricks (la prosperosa rossa di “Mad Men”), Matt Smith (conosciuto per la serie tv “Doctor Who”), Ian De Caestecker e Reda KatebRyan Gosling facebook(2)

Il film che inizialmente aveva un altro titolo, “How to catch a Monster”,  racconta la storia di una madre single che è costretta a vivere con la sua famiglia nella città in rovina di Lost River. Un giorno il figlio diciottenne troverà un passaggio segreto per una città subacquea.  A quel punto madre e figlio decideranno di cercare fortuna in questo luogo misterioso. Marion Cotillard  Star facebook(2)


Tutti avrebbero voluto vedere anche Eva Mendes ma Ryan è arrivato a Cannes da solo. Torna a Cannes anche la francese più hollywoodiana degli ultimi anni: Marion Cotillard. Ad un anno esatto da “C’era una volta a New York” di James Gray è la protagonista del nuovo film dei fratelli Dardenne. Il prolifico duo presenta al Festival “Deux Jeurs, Une Nuit” che racconta la storia di Sandra , una donna che in un weekend cerca di convincere i propri colleghi a rinunciare ai premi di produzione, per garantirle il posto di lavoro che sta per perdere. Divertente il photo call che ha visto una Marion Cotillard coloratissima abbracciata e baciata da Luc e Jean Pierre.

 

 

 

 

 

 

 

 

stefania-giannini-ministro-dellistruzione

Medicina: addio al numero chiuso per le matricole, si adotterà il modello francese

Le sfide lavorative preservano l’acutezza mentale negli anni successivi