in ,

Canone Rai 2015, dietrofront del governo: a gennaio non sarà in bolletta

Il governo fa dietrofront in merito alle dichiarazioni rilasciate ieri dal sottosegretario alle Comunicazioni, Antonello Giacomelli, sul Canone Rai 2015 in bolletta. E da Palazzo Chigi fanno sapere: “Ridurre e semplificare il canone è strategico, ma è improbabile l’ipotesi di metterlo in bolletta entro questa legge di stabilità”.

Ancora troppo presto, quindi, perché il provvedimento sia messo in pratica già all’inizio del nuovo anno. Trattasi di “tempi tecnici troppo stretti” che, pare, non consentiranno l’attuazione della riforma del Canone Rai nell’immediato, benché ciò sia nei piani del governo. Lo slittamento pare sia dovuto principalmente all’opposizione delle varie aziende di fornitura di energia elettrica, che non avrebbero accolto di buon grado la novità. Anche il presidente dell’Authority per l’energia, Guido Bortoni, mostrò tempo fa perplessità in merito.

 

 

Emma 3.0: a Milano si chiude il tour

anticipazioni uomini e donne

Uomini e Donne anticipazioni Trono Classico: Jonas e Andrea confusi