in ,

Canone Rai 2016: pagamento per partite IVA, conviventi e studenti fuori sede

Il Canone Rai 2016 si inizierà a pagare dall’1 luglio e la sua imposta verrà automaticamente detratta con la bolletta della luce. Con UrbanDonna – Casa vi abbiamo spiegato come pagarlo, come richiedere l’autocertificazione per le esenzioni e tante novità che sono arrivate con l’anno nuovo (per scoprirle tutte, qui). Come funziona il pagamento del Canone Rai per chi ha la partita IVA, per chi è convivente o per gli studenti fuori sede? Scopriamolo nel dettaglio…

Due persone che convivono, ma che non sono sposate, non devono pagare un Canone Rai a testa, ma uno: l’importo sarà scalato direttamente all’intestatario della bolletta della luce. Per chi ha la partita IVA ed esercita la sua professione nel suo ufficio/studio/esercizio commerciale, oltre che a casa propria, ed è in possesso di una tv anche nel suo ufficio/studio/esercizio commerciale, dovrà pagare il Canone Rai anche per quel luogo, non con la bolletta della luce automaticamente, ma con un bollettino postale.

Come devono fare gli studenti fuori sede? Il Canone Rai dev’essere pagato dalla persona a cui è intestato il contratto di fornitura di energia elettrica: non è detto che sia il proprietario di casa, potrebbe essere l’affittuario. Se ci sono due o più coinquilini a fine gennaio si scoprirà con il decreto attuativo se dovranno pagare un Canone unico o uno a testa. Ci sono anche gli abbonamenti speciali, dove il titolare della casa paga 407,35 euro di Canone Rai, perché l’utenza non è intestata ai coinquilini e per di più loro non hanno un contratto regolare di locazione.

Photo Credit: Nobuhiro Asada / Shutterstock

Palazzina crollata a Savona: chi sono le 5 vittime

Palazzina crollata a Savona: chi sono le 5 vittime [FOTO]

Ines Helene Instagram: l’avvocatessa più bella dei social