in

Canone Rai 2019, richiesta esenzione entro il 31 gennaio: ecco come presentare la domanda

C’è tempo fino a giovedì 31 gennaio per chiedere l’esenzione del canone Rai per l’anno 2019. Ultimi giorni dunque per inviare gli appositi moduli all’Agenzia delle Entrate. Innanzitutto cerchiamo di capire chi ne ha diritto e come inoltrare la richiesta in maniera tale da essere esentati dal pagamento del canone in bolletta.

Chi non deve pagare il canone

Come già saprete il canone Rai si paga attraverso la bolletta elettrica. Il costo complessivo di 90 euro può essere diviso in 10 rate mensili, ossia da gennaio ad ottobre. Il canone Rai va pagato da da ogni famiglia anagrafica (con quest’ultima si intende una persona o un gruppo legato da vincoli di matrimonio, unione civile, parentela, adozione o vincoli affettivi) titolare di un’utenza elettrica. Si presuppone, infatti, che chi goda di quest’ultima disponga pure in casa di un televisore, ma su questo punto torneremo poi. Vediamo prima chi è esente dal pagare il canone Rai 2019. Sono esonerati gli over 75 con reddito non superiore a 8mila euro l’anno, i diplomatici, i militari stranieri e il personale civile straniero Nato non residente in Italia, ma che vive nel nostro Paese. Chi ha diritto all’esenzione, perché magari non è proprietario di una tv o perché rientra nei criteri stabiliti, può fare richiesta entro il 31 gennaio per evitare il pagamento del canone.

Come inviare la richiesta

La domanda può essere inviata in forma telematica, mediante raccomandata o consegna a mano. Il modello è disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate e può essere inviato in forma telematica usando le proprie credenziali Fisconline o Entratel. Gli anziani, per i quali non è disponibile la via telematica, possono comunque inviare la richiesta di esenzione tramite PEC (all’indirizzo di posta elettronica certificata p22.sat@postacertificata.rai.it). Come dicevamo si può inviare la richiesta in plico raccomandato senza busta, all’indirizzo: Agenzia delle entrate – Ufficio Torino 1 – Sportello abbonamenti TV – Casella postale 22 -10121 Torino. Le domande inviate dopo il 31 gennaio, la data di scadenza di cui sopra, consentiranno all’utente di ottenere l’esonero solo per il secondo semestre. La dichiarazione può essere consegnata anche di persona in un qualsiasi ufficio territoriale dell’Agenzia delle Entrate.

leggi anche l’articolo —> Migranti Sea Watch, ultime news: Salvini non cede, cosa succede adesso

 

 

 

 

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di UrbanPost e LuxGallery. Nasce a Frosinone il 13 febbraio del 1991, quando in Ciociaria la neve non si vedeva ormai da anni e l’Italia tirava un sospiro di sollievo per la fine della guerra del Golfo. Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 le viene conferito il riconoscimento di "Laureato Eccellente Sapienza" per il brillante percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly" e "SuccedeOggi" e riviste letterarie come "Carte Allineate", "Fillide" ed "Euterpe". Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Lavorare in Italia, commessa licenziata a causa del suo peso: «Lei è troppo grassa per questo posto!»

Paolo Brosio età, vita privata, carriera: tutto sul naufrago all’Isola dei Famosi 2019