in ,

Capelli rovinati rimedi naturali: impacchi fai da te all’olio di oliva per una chioma più lucente

Piastra e calore eccessivo del phon sono le principali cause dei capelli rovinati, con punte spezzate e particolarmente secche e sfibrate. Come rimediare, se non con i rimedi naturali, per nulla invasivi e rispettosi del capelli? Uno degli ingredienti naturali che viene utilizzato per la cura fai da te dei capelli rovinati è l‘olio di oliva, non soltanto nutriente ma anche ottimo per dare maggiore lucentezza e morbidezza ai capelli.

Una ricetta fai da te per la cura dei capelli, a base di olio di oliva, prevede l’utilizzo di tre cucchiai di miele e due di olio di oliva, da mescolare insieme fino ad ottenere una miscela omogenea. Questo impacco va applicato sui capelli asciutti, soprattutto sulle punte, e lasciato in posa per circa 1 ora. Al termine della posa, si consiglia di sciacquare i capelli con abbondante acqua tiepida, per poi fare alcune passate di shampoo in modo da eliminare del tutto l’unto dato dall’olio di oliva.

Alternativa a questa ricetta è l’applicazione dell’olio di oliva direttamente sui capelli. Dopo aver bagnato i capelli con acqua calda ed eliminata l’acqua in eccesso, occorre applicare l’olio su tutta la lunghezza e, soprattutto sulle punte, avvolgendo poi i capelli con della pellicola trasparente. Risciacquate i capelli con acqua tiepida, e poi fredda, dopo un’ora circa di posa. In entrambi i rimedi naturali consigliati, il risultato sarà una chioma visibilmente sana e più lucente fin dalle prime applicazioni.

Photo credit: Voyagerix/Shutterstock

Written by Rosaria Cucinella

Nata nella ridente Sicilia, 21 anni e tanta passione per la scrittura ed il giornalismo online. Amo la cucina, la primavera, i red carpet della gente famosa e i film d'azione. Mi piace la moda ma paradossalmente non amo seguirla: la lunaticità comanda anche il mio stile...

Fabrizio Corona scarcerato

Milano, Fabrizio Corona scarcerato: andrà nella comunità di Don Mazzi

Fabrizio Corona libero

Fabrizio Corona scarcerato, Gabriele Parpiglia: “Finalmente libero”