in ,

Capelli, scoperta proteina che li fa ingrigire e provoca la calvizie

I capelli grigi e la calvizie sono l’incubo di ogni uomo, ma anche delle donne. Fino a questo momento la colpa veniva attribuita allo stile di vita, al fumo di sigarette, all’alcool. Le idee e le supposizioni erano molte, ma un team di scienziati americani potrebbe aver trovato la soluzione all’enigma che da decenni ormai terrorizza tutti. Si tratta di una proteina.

Gli scienziati della Texas University Southwestern Medical Center, hanno scoperto i meccanismi alla base dell’incanutimento e della calvizie. Il tutto, però, è avvenuto per puro caso. L’obiettivo dei ricercatori, infatti, era quello di scoprire per quale motivo la Neurofibromatosi di tipo 1, malattia genetica rara, sia in grado di provocare anche alcuni tipi di cancro. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Genes & Development. La proteina studiata è KROX20, associata da sempre allo sviluppo dei nervi.

Nei bulbi piliferi dei topi questa proteina ha anche un’altra funzione: favorire la crescita del pelo. Inoltre, agisce anche sulle cellule dell’epidermide stimolandole per il fattore di crescita delle cellule staminali SCF in quelle progenitrici dei capelli. Nei topi, una volta eliminato il gene SCF, si è potuta osservare una depigmentazione del pelo. Inoltre, quando le cellule che producono KROC20 sono state eliminate, il pelo è caduto. L’obiettivo degli scienziati sarà ora quello di testare la scoperta sugli esseri umani.

[dicitura-articoli-medicina]

wendy's

Wendy’s e il tweet da record: mai strategia di marketing fu più azzeccata

William Klein, l’antifotografo