in ,

Carburanti in rialzo: non solo per effetto Siria

Anche per le altre compagnie così come spiega il Quotidiano Energia, nel week-end vi sono stati gli aumenti di IP sabato e di Total-Erg dello stesso importo e sempre su entrambi i prodotti.

L’indicatore principale per le prossime previsioni dipenderà dall’andamento dei mercati nelle prossime ore per vedere se anche sulla rete carburanti nazionale. In Italia dunque i prezzi praticati sono ancora in salita, queste le medie nazionali della benzina e del diesel: rispettivamente a 1,847 e 1,750 euro/litro (mentre il Gpl è a 0,814). Le «punte» in alcune aree sono invece per la «verde» fino a 1,892 euro/litro, il diesel a 1,779 e il Gpl a 0,844. La situazione più nel dettaglio (sempre in modalità «servito»), secondo quanto risulta in un campione di stazioni di servizio che rappresenta la situazione nazionale per il Servizio Check-Up Prezzi QE, vede il prezzo medio praticato della benzina che va oggi dall’1,837 euro/litro di Eni all’1,847 di Tamoil (no-logo a 1,726). Per il diesel si passa dall’1,742 euro/litro di Esso e Shell all’1,750 ancora di Tamoil (no-logo a 1,624). Il Gpl infine è tra 0,803 euro/litro di Esso e 0,814 di Tamoil (no-logo a 0,751).

In realtà gli aumenti non sono solo condizionati dalla questione siria,
infatti la tendenza dei prezzi degli idrocarburi è in effetti al rialzo anche per via dell’instabilità dell’Egitto, dai dubbi che aleggiano sul governo della Libia, dall’embrago che perdura sull’Iran e persino dall’aumentare della violenza in Iraq, tornato protagonista dell’export. Oltre a questo vi è forse un ulteriore problema, ossia, tutti procedono compatti con aumenti identici, e questo fa capire che il settore sia diventato più uniforme e che i suoi protagonisti preferiscano ottimizzare i profitti facendo accordi alle spalle dei consumatori.
codacons_


Il Codacons insorge, l’associazione dei consumatori ha annunciato denunce e l’avvio di un’azione risarcitoria per i danni da speculazione sui carburanti, per conto loro le compagnie mantengono il solito atteggiamento.

Seguici sul nostro canale Telegram

ferilli lisi

Anticipazioni “Baciamo le mani Palermo-New York 1958”: due donne coraggio

Barbara D'Urso e Guendalina Tavassi

Pomeriggio Cinque: il ritorno della D’Urso pronta a dominare il pomeriggio televisivo