in

Carlo Cracco su Hell’s Kitchen: “non sarà affatto facile”

L’annuncio del suo approdo alla guida della prima edizione, in Italia, di Hell’s Kitchen è stato uno degli scoop estivi e così, mentre tutti si chiedono se il famoso Carlo Cracco possa non far rimpiangere uno come Gordon Ramsay, il padron della trasmissione, il cuoco, che ha appena terminato di registrare la terza edizione di Masterchef, ha rilasciato un’intervista a Tv Sorrisi e Canzoni in merito alla sua nuova avventura rendendo note anche le sue paure visto  che “non sarà affatto facile…”.

gordon ramsay hell's kitchen

Per quanto riguarda il fatto di essere stato scelto per condurre un programma come Hell’s Kitchen, un programma che è giunto in Italia grazie alle edizioni di successo in cui Ramsay ha insultato cuochi di diverse nazionalità facendoli piangere come bambini, Carlo Cracco ha voluto dire: “E’ una bella responsabilità. Hell’s Kitchen è il programma di cucina più conosciuto e iconico, avendo il volto di uno chef mitico come Ramsay. Non sarà affatto facile, anche perché questa volta sarà da solo”.

Cercando di confondere un po’ le acque, poi, e minimizzare sulle caratteristiche di Ramsay che, per Cracco, non è affatto cattivo, il nuovo volto delle cucine infernali ha aggiunto che: “Hell’s Kitchen al contrario di Masterchef si svolge in una cucina dove i concorrenti sono cuochi professionisti. È si uno show, ma è molto reale. Essere rigorosi e precisi fa parte del mestiere. Se sbagli un piatto, poi il cliente si lamenta. Devi pretendere sempre il massimo” lasciando, quindi, intuire che non ha nessuna intenzione di essere ricordato, al contrario di Ramsay, per gentilezza bontà e che i concorrenti si ritroveranno di fronte un altro osso duro pronto ad analizzare ogni piatto nel minimo dettaglio e a giudicarli con massima severità.

Seguici sul nostro canale Telegram

Abbronzatura, i rimedi naturali per conservarla il più a lungo

rosy abate e domenico calcaterra

Anticipazioni Squadra Antimafia: Marco Bocci annuncia “un fatto feroce”