in ,

Carlo Molfetta, intervista esclusiva al Campione Olimpico di Taekwondo

Carlo “The Wolf” Molfetta è innamorato del taekwondo. Del resto come potrebbe non esserlo? Il capitano della Nazionale italiana taekwondo nonché oro olimpico nella categoria +80 kg a Londra 2012 si è raccontato ad Urbanpost cercando di descrivere meglio l’‘arte marziale coreana’ che pratica attraverso tre parole: spettacolarità, velocità, strategia! Molfetta ha poi parlato della sua “arma segreta” consigliando cosa fare a chi volesse cimentarsi con questo sport, ed annunciato il suo obiettivo: vincere il Mondiale il prossimo anno.

Quali aggettivi useresti per descrivere il tuo sport? Gli aggettivi che potrebbero descrivere il mio sport sono spettacolarità, velocità, strategia! Nella tua carriera qual è il ‘tuo’ momento sportivo più bello? Il momento più bello è sicuramente il giorno in cui ho coronato il mio sogno vincendo le Olimpiadi. Se un bambino/a ti chiedesse “perché dovrei praticare” il tuo sport, tu cosa risponderesti? Non gli risponderei in nessun modo ma gli farei vedere un calcio volante e sono sicuro che rimarrebbe a bocca aperta!

Sulla tua “agenda sportiva” qual è il prossimo obiettivo importante? L’obiettivo più prossimo è sicuramente cercare di vincere il Mondiale assoluto il prossimo anno visto che per adesso ho solo 2 argenti e un bronzo. Qual è il tuo rapporto con la notorietà? E cosa vorresti che il pubblico conoscesse di te? Con la notorietà non ho un ottimo rapporto non perché non mi interessi ma semplicemente perché non lo sono… (ride – ndr) Purtroppo il mio sport non è molto conosciuto!

Non credi che l’aspetto fisico e la bellezza contino un po’ troppo anche nell’ambiente sportivo? Beh l’aspetto fisico è importante nella vita ma sono convinto che quello interiore lo sia ancor di più. Meglio essere delle persone perbene che un “Figo” che non sa comportarsi!

glik torino

Torino calcio ultimissime, Glik: “Meriteremmo qualcosa di più”

The Musketeers su Italia1

Stasera in tv: Un mondo da amare e The Muskeeters