in

Carlo Verdone periodo buio: «Sono stato salvato da Mario Cecchi Gori!»

Tra i registi e attori più amati dal grande pubblico c’è senza dubbio Carlo Verdone, che negli ultimi tempi per essere ancora più vicino ai suoi fan quasi quotidianamente condivide sui social esperienze del proprio vissuto legate ai suoi straordinari film. Da Bianco Rosso & Verdone a Borotalco, da Acqua e Sapone a Viaggi di nozze, capolavori indimenticabili del nostro cinema.

Carlo Verdone periodo buio: «Stavo sul divano a fissare il soffitto. Sono stato salvato da Cecchi Gori»

«Continuano ad apparire foto mai viste prima. Grazie a Marco Spagnoli, autore del documentario “Cecchi Gori una Famiglia Italiana”, sono state trovate migliaia di foto di set mai pubblicate. Sono felice che in questa location di Acqua e Sapone (Grand Hotel a Roma) appaia Mario Cecchi Gori grandissimo produttore!», ha esordito sul suo profilo Facebook Carlo Verdone, che ha postato uno scatto che lo ritrae assieme all’attrice Natasha Hovey, sua partner nella commedia amara Acqua e sapone, e al produttore Mario Cecchi Gori, scomparso nel 1993. A cuore aperto l’attore romano ha confidato le difficoltà di scrollarsi di dosso l’etichetta di “caratterista” per la tv e di emergere come regista, sceneggiatore e attore. «Dopo “Bianco Rosso & Verdone” per me non successe più nulla. Non rinnovarono l’ opzione. Ed entrai in uno stato di solitudine per un mese assai doloroso!» – ha scritto Carlo Verdone – «Mi ero sposato da un anno e chi lavorava era solo mia moglie in un azienda farmaceutica americana. Io sul divano fissavo il soffitto con sotto la musica di Bob Dylan che rendeva ancora più disperati quei giorni. Tornai addirittura all’università per parlare col professore per sapere di un eventuale assistentato. Macché, impossibile. Si era tolto la vita! Col morale a terra passavo dal divano al letto. Dal letto al divano e fissavo sempre il soffitto. “Like a Rolling Stone” mi sembrava scritta per me». 

La rinascita di Carlo Verdone: «Scrivimi un bel film brillante. Hai carta bianca…»

Poi la svolta: «Dopo circa 30 giorni, quest’ uomo fiorentino dall’aspetto un po’ burbero mi venne a salvare. Mi diede un appuntamento e mi disse”: Ho visto in ritardo il tuo Bianco Rosso & Verdone. È un gioiellino. Io credo che quell’ emigrante sia un capolavoro. Ho fiducia in te come attore.” Lo abbracciai e replicai” Dottore non mi faccia fare i personaggi … Perché temo che il pubblico pensi che io sappia fare solo i caratteri”. “Te li ho chiesti? Credo in te. Scrivimi un bel film brillante. Hai carta bianca. Ma non deludermi perché voglio l’incasso e la qualità. Se ci riesci ti faccio un’esclusiva! “. Gli diedi Borotalco. E dopo due settimane firmai l’esclusiva a Bali! Dove mi aveva portato per 15gg affinché nessuno mi potesse agganciare con altre proposte!».

Continuano ad apparire foto mai viste prima. Grazie a Marco Spagnoli, autore del documentario "Cecchi Gori una Famiglia…

Pubblicato da Carlo Verdone Official su Mercoledì 30 ottobre 2019

«Grande produttore, vecchio stile. Autorevole, autoritario e severo. Ma mi voleva un gran bene…»

L’incontro con Mario Cecchi Gori è stato fondamentale per Carlo Verdone: «”Ora voglio un altro successo come Borotalco!” Mi disse in un piccolo bar a Tanah Lot dove sorge il Tempio dell’Amore a Bali. “E così allunghiamo l’ esclusiva”. Gli diedi Acqua e Sapone. E fu così che firmai per ben 15 film!». L’attore e regista romano ha concluso: «Grande produttore, vecchio stile. Autorevole, autoritario e severo. Ma mi voleva un gran bene. Sono felice di questa foto che mi ritrae con lui e l’esordiente Natasha Hovey. Gli devo molto. Ecco un altro ricordo ” indelebile”».

leggi anche l’articolo —> Carlo Verdone e la prima delusione amorosa: «Dentro di me le dissi una decina di “Ma li mortacci tua!”»

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Giorgia Lucini Instagram, vestaglia in seta e lingerie provocante: «Gli uomini ringraziano…»

Paola Di Benedetto Instagram, gonna davvero troppo mini: «Con ‘ste foto mi stravolgi»