in

Carnevale 2016: dove andare in Italia per gustare i dolci più golosi, da Venezia alla Sicilia

Con che cosa fa rima il Carnevale? Con sfilate di maschere, carri in festa, e naturalmente…dolci. Per l’occasione Urban Viaggi ha pensato di accompagnarvi alla scoperta dei sapori italiani più golosi, proponendovi un itinerario del gusto che si snoda tra fritture, dolci ripieni e molte altre leccornie: siete pronti? Da Venezia alla Sicilia, c’è l’imbarazzo della scelta!

In Trentino Alto-Adige potrete gustare i chifelini, piccoli triangoli di farina, patate, burro e zucchero ripieni di marmellata. Una curiosità: non è da escludere che questi dolcetti siano una rivisitazione della colazione di origine austriaca, dove il pane (chifel) viene servito con burro e marmellata.

A Venezia il Carnevale è un evento storico, da celebrare anche con un assaggio di “fritola”, la tipica frittella locale un tempo prodotta esclusivamente dalla corporazione dei “fritoleri”: l’impasto, fatto di uova, zucchero e farina, è arricchito di pinoli e uvetta. Roba da leccarsi i baffi!

Visiterete Bologna e provincia nei prossimi giorni? Da Persiceto a Imola, si fa festa in lungo e largo. Oltre alle classiche frappe e alle castagnole, approfittate dell’occasione per gustare le ravioline ripiene o le tagliatelle, rettangoli di pasta tagliati a mo’ di tagliatelle, arrotolati e spolverizzati di zucchero a velo (ricetta nata in realtà sull’Appennino romagnolo).

Carnevale in Toscana? Benissimo, qui potrete concedervi una generosa fetta di berlingozzo, morbido ciambellone, con un retrogusto di arancia e limone. Il Berlingozzo vanta una tradizione antichissima: un tempo era preparato il Giovedì grasso, come indica appunto il nome.

SCOPRI TUTTE LE IDEE PER IL CARNEVALE SU URBAN POST!

Mai sentito parlare della cicerchiata? Si tratta di un dolce piuttosto laborioso che durante questo periodo dell’anno colora le tavole di Abruzzo, Molise e Umbria: si tratta di palline simili a ceci (“cicerchie”, appunto) che vengono assemblate con il miele e poi composte a forma di ciambella e ricoperte con confettini colorati o frutta candita.

Siete alla ricerca di qualche prelibatezza nel Sud Italia? Nessuna paura: non rimarrete delusi. A Napoli il Carnevale fa rima con le graffe, ciambelline dall’impasto soffice a base di patate e farina, da accompagnare rigorosamente con un buon caffè caldo: ecco la ricetta che vi farà venire l’acquolina.

Tra i dolci più golosi di questo periodo, vi consigliamo la pignolata (o pignoccata), che appartiene della tradizione gastronomica del Carnevale siciliano e calabrese: consiste in palline fritte, rotolate nel miele e ricoperte con zuccherini colorati e, a piacimento, mandorle tostate.

In apertura: castagnole – Image Credit ppi09/Shutterstock.com

Written by Corinna Garuffi

Trentun anni, laureata in Scienze della Comunicazione, lavora da anni nel sociale. Da sempre alla ricerca di notizie inerenti al mondo del volontariato e alle opportunità offerte dell’Unione Europea, è anche appassionata di fotografia, arte e cucina. Indossa per la prima volta le vesti di blogger.

Bronzetti morto Milan

Lutto nel mondo del calcio: è morto Ernesto Bronzetti, re del calciomercato

Zootropolis Disney

Zootropolis trailer e doppiatori italiani, le voci di Matano e Abatantuono per una metropoli speciale