in

Carnevale di Ivrea 2015: programma e date delle battaglie di arance più agguerrite di sempre

State pensando a dove trascorrere il Carnevale 2015? Se non avete voglia di partecipare ad una festa “anonima”, Ivrea è la location adatta per vivere un evento sensazionale dove storia e leggenda si intrecciano.

Anche quest’anno la città torinese è pronta a rievocare con la celebre battaglia delle arance un episodio di affrancamento avvenuto durante il Medio Evo, quando la figlia di un mugnaio si ribellò a un barone non volendo sottostare allo jus primae noctis. E accendendo una rivolta popolare che ricorda la capacità di autodeterminazione della comunità cittadina, orgogliosa di alzare la propria voce contro la tirannide.

Il Carnevale si è istituzionalizzato nel 1808 arricchendosi di riti e cerimoniali folcloristici, che rievocano ora leggende ora episodi storici realmente accaduti: dunque, quali sono i personaggi e i momenti che rendono questi festeggiamenti così imperdibili? Alla “Vezzosa Mugnaia” si affianca il Generale, una sorta di arbitro garante del corretto svolgimento delle battaglie e il Podestà, personaggio simbolo della libertà cittadina. Gli “aranceri”, protetti da maschere, combattono su carri trainati dai cavalli rispondendo ai colpi inferti dai cittadini.

Il 31 gennaio l’appuntamento è al Teatro Giacosa, dove si dà il “la” alle danze salutando l’ingresso degli “Abbà”, dieci bambini in fastosi costumi rinascimentali che reggono sulla punta del loro spadino un’arancia, simbolo della testa mozzata del tiranno.

Domenica 1° febbraio si comincia a festeggiare fin dalla prima mattina con la distribuzione delle fagiolate, anch’essa legata alla tradizione medievale, mentre alle 10:30 l’appuntamento è con un itinerario a tema che ripercorre gli storici luoghi del Carnevale; a seguire nel pomeriggio l’alzata degli Abbà e un giro di pifferi e tamburi.

Domenica 8 febbraio si entra nel vivo della manifestazione con l’esposizione del mercatino degli aranceri in piazza Ottinetti e la presentazione dei carri da getto; si prosegue il 12 febbraio con la cosiddetta “calzata del Berretto frigio” (cittadini e visitatori saranno invitati ad indossare questo copricapo a forma di calza che rinvia agli ideali di libertà della Rivoluzione Francese per non essere oggetto di “gentile e moderato” lancio di arance), mentre la sera dalle 21:30 si fa festa con gli aranceri. Venerdì 13 febbraio è in programma una cena itinerante a tema carnevalesco, mentre il giorno successivo viene presentata la “Vezzosa Mugnaia” con tanto di serata di gala. Domenica 15 febbraio, dalle ore 14, appuntamento con l’attesissima Battaglia delle arance, dove nove squadre a piedi attaccheranno i tiratori disposti lungo due percorsi (piazza della città e piazza Ottinetti da un lato, Borghetto e piazza del Rondolino dall’altro), a cui seguirà una serata con spettacolo pirotecnico. Il Lunedì di Carnevale si torna a combattere dalle 14:15, per poi rifocillarsi di merluzzi e cipolle appena fritti; il Martedì grasso appuntamento alla stessa ora con le ultime battaglie delle arance, a cui seguirà la premiazione delle squadre degli aranceri e dei carri da getto che si sono distinti per lealtà e ardore. Il Mercoledì delle Ceneri, che quest’anno cade il 18 febbraio, si distribuiscono polenta e merluzzo.

Per conoscere il dettaglio delle eventi – tra cui appuntamenti per i più piccoli, mostre e mercatini – consulta il calendario dettagliato sul sito ufficiale e non perdere l’occasione di prenotare un hotel nelle vicinanze. Nell’attesa che la festa, anzi la battaglia, abbia inizio.

(immagine tratta da Facebook)

Kate Middleton incinta

Kate Middleton shock: niente più figli dopo il secondogenito

I giudici di Forte Forte Forte

Anticipazioni Forte Forte Forte 16 gennaio: parte il talent di Raffaella Carrà